/“El Resto” come rispondere al servizio

“El Resto” come rispondere al servizio

I consigli dei professionisti di Pádel sono sempre ben accolti.
In questo articolo citiamo alcuni suggerimenti che l’allenatore Rodrigo Ovide ci offre per effettuare una buona risposta al servizio

L’allenatore di grandi coppie del circuito del World Padel Tour cita alcuni aspetti chiave della risposta al servizio:

La cosa principale e primaria nella risposta è cercare di rispondere al meglio a tutti i costi.
Nella misura in cui è possibile dominare il gioco con la risposta per mettere a disagio il nostro rivale.
Imparare a sapere che tipo di risposta dovremmo giocare:
se un incrocio, parallelo, taglio, topspin o pallonetto sono alcune delle opzioni che dobbiamo prendere in considerazione.
Naturalmente, tutte queste possibilità dipenderanno da come il nostro rivale ha effettuato il suo servizio.

Come dare una buona risposta in base al servizio dell’avversario

Rodrigo Ovide ci dice che la nostra risposta deve essere soggetta a come il giocatore rivale ha effettuato il suo servizio, fornendo alcuni esempi:

Se il servizio dell’avversario è corto, ci costringerà a entrare nel box , avanzando verso la palla.
Quello che dobbiamo provare, in questo caso, è che la nostra risposta deve essere lenta e raggiungere un’altezza al di sotto della rete una volta superata.
In questo modo i nostri avversari non saranno in grado di attaccare e saremo in grado di prendere più iniziative al gioco.

Se il servizio è profondo, la naturalezza e la fluidità con cui possiamo colpire la palla diventeranno importanti.
In questo caso dovremo tornare indietro per avere più tempo.
Se il servizio è lungo, ci costringerà a muoverci verso la palla.
A questo punto sarà vitale mettersi a proprio agio sulla palla.
Un errore molto comune è rendere questo movimento lateralmente, che ci farà ritardare.
Si consiglia di correre naturalmente, aprendo l’anca, correre e raggiungere con il nostro piede opposto (a destra se si tratta di un colpo di rovescio o a sinistra se si tratta di un dritto).

Quando effettuare tiri incrociatI o paralleli?

Per questa domanda, l’allenatore di Silingo e Allemandi ci dà alcune nozioni:
Se la palla è troppo lontana davanti a noi e dobbiamo giocare con la destra, è conveniente giocare ad incrociare a causa della sua naturalezza e il colpo uscirà più fluido.
Nel caso in cui il servizio ci costringa ad andare molto indietro e dobbiamo giocare a destra, sarà molto più comodo giocare in parallelo.
Se il servizio è profondo e ci arriva alla schiena vedremo che arriva sul nostro corpo.
In questi casi è conveniente giocare la palla incrociata.
Se arriviamo con più tempo e la palla è in avanti, possiamo giocare in parallelo.

Se all’avversario gli entra un primo servizio, è essenziale mettere la palla in gioco e cercare di dare una direzione dove pensiamo che possano farci meno danni con quel primo tiro al volo.

In caso di un secondo servizio , la palla diventerà più lenta e ci darà l’opportunità di giocare in contropiede o rimuovere i rivali dalla rete.

Di seguito possiamo vedere l’ interessantissimo tutorial video di Fernando Poggi su come rispondere al servizio:

Buon Padel a tutti!

Fonte: Video di Fernando Poggi – articolo di  Pádel Addict (traduzione e rielaborazione di Carlo Ferrara)