/Consigli per aumentare la nostra velocità di gioco
Velocità padel

Consigli per aumentare la nostra velocità di gioco

Quali sono i consigli per quei giocatori di padel che stanno salendo di livello e che vogliono avere un gioco più veloce?

Saper giocare a padel è soprattutto sapere come mettere la palla in campo, fare pochi errori ed essere in grado di posizionare la palla dove vogliamo, o almeno avvicinarci alle aree in cui vogliamo giocare.
Da questo punto in poi possiamo provare a giocare più velocemente, aumentando la velocità della palla.

Questo è uno degli errori che gli ex tennisti tendono a fare; giocare troppo velocemente.
I giocatori di tennis vengono allenati e programmati per cercare il punto vincente.
Nel padel, la costruzione del campo e soprattutto le regole del gioco rendono i punti vincenti molto più difficili da raggiungere.
Quindi, se ci piace giocare velocemente con una velocità della palla molto alta, ecco cosa dobbiamo fare.

Avere un’alta percentuale di colpi vincenti

Questa è la base.
Non saremo mai in grado di diventare un “buon” giocatore di padel se commettiamo un errore dopo 2 tocchi della palla.
Quindi, prima di provare a vincere il punto in modo aggressivo, consideriamo di mettere la palla in campo il maggior numero di volte possibile.
Se stai facendo un’analisi delle tue partite, conta.
Quante volte hai vinto il punto con un colpo vincente e quante volte lo hai perso con un fallo diretto.

La precisione

Questo è un secondo punto fondamentale del padel da tenere in considerazione durante l’apprendimento.
Se siamo precisi, saremo in grado di eseguire i nostri attacchi nel miglior modo possibile.
Iniziamo semplicemente cercando le aree del campo, quindi fissiamo un obiettivo con 1 metro di margine, poi 50 cm, per avvicinarci sempre di più a diventare un cecchino.

Il ritmo

Finalmente ci arriviamo.
È importante conoscere la nostra “velocità di crociera” prima di provare ad aumentare la velocità della palla.
Cosa significa ? Semplicemente, ogni giocatore ha il suo ritmo di gioco, un ritmo che gli consente di commettere pochissimi errori, dove è fisicamente a suo agio e può durare diverse ore senza davvero lasciare le piume.
Una volta che conosciamo il nostro ritmo, possiamo decidere di aumentare la velocità della nostra palla.

Le gambe

Per poter giocare più velocemente, dobbiamo prima attivare le gambe…
Se siamo molto mobili e siamo sempre in posizione di allerta in punta di piedi, possiamo aumentare il ritmo (Stile Bea Gonzalez).
Sul retro del campo, in difesa, occorre essere in una posizione bassa, flessa, che ci permetterà di essere posizionati meglio, infatti un maggiore supporto con il terreno ci darà libero movimento al braccio per l’accelerazione.

A rete, dobbiamo sapere che sono anche le nostre gambe che ci permetteranno soprattutto di dare velocità.
Se crediamo che non muovendoci e solo accelerando il braccio accelereremo il gioco, ci sbagliamo.
I talloni non si posano mai a terra, una palla giocata davanti a noi e un rapido ritorno alla posizione corretta in rete tra i colpi saranno importanti quando si tratta di cambiare marcia.

La Formazione

E sì, non saremo in grado di aumentare correttamente la nostra velocità della palla se non ci abbiamo lavorato su in allenamento.
Il consiglio è di aumentare la resa del 10-20%.
Non proviamo a giocare tirando pallonate a 80 km / h se la velocità di crociera è di 40 km / h, non ha senso.
Alleniamoci a 45, 50 km cercando di fare il minor numero di errori possibile.
E se la nostra percentuale di errori è troppo alta?
Dobbiamo abbassare la velocità e poi pian piano è possibile aumentarla.
L’idea è che dobbiamo essere in grado di giocare più velocemente in breve tempo senza fare errori.
Dobbiamo abituare il nostro corpo e i nostri occhi ai nuovi rimbalzi e questo potrebbe richiedere più o meno tempo.

Perciò stiamo attenti.
Se siamo in grado di colpire la palla a 50 km / h, durante una partita, abbassiamo leggermente questa velocità in modo da avere sempre un margine.
Non dobbiamo mai essere al limite.

articolo di Julien Bondian (tradotto e rielaborato da Carlo Ferrara)

Fonte: Padel Magazine France
foto: Paolo Cherenti; World Padel Tour