/Pablo Lima: Storia e intervista esclusiva al Campione di Padel
Pablo Lima

Pablo Lima: Storia e intervista esclusiva al Campione di Padel

Il brasiliano Pablo Lima conosciuto anche come “El Canon de Porto Alegre” è stato n° 1 per 3 stagioni consecutive dal 2015 al 2017 insieme a Fernando Belasteguin, e attualmente è il n° 5 al mondo nella classifica 2021 del WPT.

Giocherà da quest’anno il circuito professionistico più importante al mondo affianco all’argentino Agustin Tapia e parteciperà al campionato italiano di serie A 2021 con il Circolo Canottieri Aniene, attuale Campioni d’Italia.




Storia e palmares di Pablo Lima

Nato e cresciuto a Porto Alegre, Brasile, l’11 Ottobre 1986, la parte “gaucha” del Brasile cioè quella più vicina all’Argentina e quindi più padelera.
Da un anno si è trasferito da Barcellona a Bilbao in quanto ha ricevuto l’incarico di Ambasciatore della Federazione dei Paesi Baschi.
Pablo Lima è un mancino e occupa la parte destra.
Ha fatto coppia per anni con la leggenda argentina Fernando Belasteguin.
Pablo inizia a dedicarsi al Padel all’età di 9 anni per diventare professionista nel 2004, ma è nell’anno 2008 quando, formando coppia con il connazionale Jardin, inizia a ottenere grandi risultati diventando la rivelazione della stagione.
Ma i migliori risultati di Lima vengono dal 2009, vale a dire dall’unione con lo l’argentino naturalizzato spagnolo Juan Mieres con il quale inizia il braccio di ferro tra i due aspiranti al trono e i re della storia di questo sport, Belasteguin-Diaz.Dopo tanti anni da numero 2 al mondo nel 2015 crea una nuova coppia con Fernando Belasteguin con il quale per tre anni consecutivi (2015/2017) domina il palcoscenico mondiale e sale al 1° posto del ranking WPT.
Nei due anni successivi, a causa di due infortuni del suo compagno, si posiziona al 3° posto del ranking mondiale nel 2018, 6° posto nel 2019 ma si toglie diverse soddisfazioni come il Master Final 2019 a Barcelona in coppia con lo spagnolo Ale Galan e 8° posto nel ranking race 2020.
Il suo compañero nel WPT 2020 è stato Paquito Navarro con il quale ha vinto il Master di Marbella a marzo dell’anno scorso.
Nel 2020 ha vinto il campionato di serie A con il Padel Team del Circolo Canottieri Aniene con cui difenderà il titolo anche nel 2021

L’intervista esclusiva a “El Canon”
(di Carlo Ferrara e Marco Oddino – in collaborazione con il Corriere dello sport)

Come è nato il tuo appellativo di “El Canon de Porta Alegre”?
Questo soprannome fu creato dal commentatore del WPT Lalo Alzueta. Lui mette sempre dei soprannomi ai giocatori…..e questo è il mio.
A che età hai conosciuto il padel e facevi già altri sport di racchetta precedentemente?
L’ho conosciuto a 9 anni perchè ci giocava mio padre. È stato il mio primo contatto con uno sport di racchetta. Prima avevo soltanto giocato a calcio. Brasile non è un paese che ha un grande vincolo con gli sport di racchetta.
L’11 giugno 2014 …cosa ti ricorda quella data?
La settimana che con Juani Mieres siamo passati al numero 1 del ranking. Non abbiamo terminato l’anno come numero 1, ma anche se è durato poco tempo è stato un onore.
Quali sono, secondo te, i tuoi 3 colpi migliori in ordine di classifica?
Non ho un colpo specifico stellare, ma se dovessi scegliere quelli migliori per ordine sono il globo (pallonetto), la volée di dritto e il rovescio da fondo campo.
Ti consideri più tecnico o tattico?
Credo di essere più tattico e disciplinato. Penso che tutti i giocatori sono un mix di diversi aspetti. Nel mio caso ho un ordine nel gioco e cerco sempre di fare il meglio per fare funzionare la coppia.




 

Il Padel in Brasile è in fase di crescita come numero di club e di appassionati a questo sport?
Il padel in Brasile sta crescendo molto. Stanno nascendo tanti nuovi circoli e il numero dei praticanti è in grande aumento. Questo è indubbiamente è il momento migliore di questo sport nel paese.
Vi sono dei giovani brasiliani promettenti?
In Brasile c’è sempre stato un grande vivaio, quello che succede però è che per qualche motivo questi giocatori non sono voluti uscire a giocare all’estero. João Pedro Flores è uno dei giovani giocatori che potrebbe fare grandi risultati in Europa.
Cosa ne pensi di Julio Julianoti e Stefano Flores?
Penso che sono una coppia molto forte in Brasile ed a livello sudamericano. Ho la sensazione che non hanno mai avuto l’ambizione di confrontarsi con i migliori. Sono senza dubbio giocatori molto bravi e potrebbero giocare WPT tranquillamente.
Pablo , il 2020 è stato l’anno con il minor numero di vittorie nel World Padel Tour cosa non ha funzionato?
Credo che si sono messi assieme molti fattori. È stato senza dubbio l’anno in cui si è visto il livello più alto da quando ho iniziato a giocare. Quando non vinci vuol dire che altri hanno fatto meglio di te, questo è importante ammetterlo. Detto questo, penso che la mancanza di continuità mi ha influito di più a me che agli altri. Avevamo delle grandi aspettative come coppia, ma non abbiamo reso come ci si aspettava. Non ci sono scuse.

Da quest’anno giocherai il World Padel Tour con il giovane argentino Agustin Tapia, cosa pensi di lui e quale saranno i vostri obiettivi futuri?
Tapia è già un giocatore straordinario con un potenziale sia fisico che tecnico e che ancora può dare più di sè stesso. Sarà un grande protagonista del padel durante tanto tempo.
Indubbiamente il nostro obiettivo è lottare e giocarcela per le prime posizioni.
E in Italia quando ti rivedremo?
Per me è sempre un piacere venire in Italia! Nel 2020 ho avuto il mio primo contatto con il padel in Italia e per me è stata una gradita sorpresa. In Italia il padel gode di buona salute e non smette di crescere.
Farai ancora la serie A?
Si!! Resto all’Aniene, si tratta di un campionato molto bello, grande idea della federazione.
Penso che aiuta a fare uscire e crescere più giocatori italiani.
Spero che si continui a disputare e a me piacerebbe giocarci per tanti anni.

Le Statistiche di Pablo nel World Padel Tour

Nell’ultimo World Padel Tour 2020 ha vinto un solo torneo ma ha raggiunto 2 volte la finale, 4 volte è entrato in semifinale e 2 volte ai quarti di finale.
Ha vinto in carriera 47 tornei del World Padel Tour disputando 430 partite nel WPT vincendone 367 (85% di vittorie) ed è il 2° in classifica, come % di vittorie, dopo Belasteguin  (90%) con il quale in coppia è riuscito a vincere 53 partite consecutive.

Buon Padel a tutti

by Mr Padel Paddle