/Oddio!! ll mio avversario è mancino
mancino padel

Oddio!! ll mio avversario è mancino

Abbiamo già affrontato in passato l’argomento “giocatore zurdo” nel padel ovvero il giocatore mancino e, finora abbiamo approfondito cosa significa giocare da e con un mancino dallo stesso lato della rete, come compagno di gioco.

Ma come ci dobbiamo comportare quando invece è il nostro avversario ad essere mancino?




Sappiamo che il giocatore mancino risulta essere più insidioso di un giocatore destrorso che gioca a destra, sia perché può essere più offensivo sia perché rafforza con il compagno il gioco centrale, sia perché proprio grazie al fatto che colpisce la palla con una direzione opposta da inevitabilmente degli effetti contrari alla pallina.
In apparenza quindi, quando entriamo in campo e notiamo che il giocatore opposto di destra è mancino potremmo sentire le gambe traballare, certo… ma, c’è sempre un ma!
Lo diremo fino alla nausea, è fondamentale osservare il giocatore mancino e non dare mai per scontato le abilità che potrà mettere in campo.




Si dice infatti che un duo destro e mancino risulta più offensivo perché anche il giocatore mancino ha facilità di attaccare le palle alte e giocare il centro di diritto.
È innegabile, come è innegabile che essere mancino non ti rende automaticamente forte sulle palle alte e di attacco. Così come ci sono destrorsi che sono più efficaci nel lavoro di costruzione e altri che risultano più abili nel gioco offensivo, anche nei mancini c’è questa differenza di abilità, che per gli avversari è importante riconoscere.
Così come è innegabile che, giocando maggiormente al centro, un duo con mancino ha il vantaggio del doppio dritto al centro ma questo vantaggio spesso si rivela una difficoltà di intesa con il compagno di gioco.
Che fare quindi in questi casi?

Osserviamo come il giocatore mancino si comporta con le palle alte e capiamo se è un destro puro (ovvero si sarebbe messo a destra anche se avesse avuto come braccio dominante il destro) o se è un valido “sinistro”
Valutiamo l’alchimia del duo: giocano spesso e sanno gestire le palle centrali con facilità? Si impappinano con incomprensioni o funzionano meglio di un ingranaggio?
Ricordiamoci che il giocatore mancino ha dritto e rovescio invertiti, se siamo abituati a giocare sul colpo debole dell’avversario (generalmente il rovescio alto) dobbiamo ricordarci di spegnere il pilota automatico e invertire le direzioni
Se sono giocatore di destra, posso optare per la diagonale lunga in fase difensiva e la ricerca laterale in fase offensiva per giocare il più possibile sul suo rovescio
Se sono giocatore di sinistra, posso sfruttare il più possibile il lungo linea sempre per giocare sul suo rovescio e evitare le altezze ideali per una sua bandeja
Colpire il più possibile il fondo campo, magari sfruttando i colpi angolati parete laterale/ parete di fondo che risultano insidiosi per un mancino




Da statistica, solo il 10% della popolazione mondiale è mancina. Noi vi consigliamo di andare alla ricerca di quanti più giocatori mancini e sperimentare sia il gioco “con” che il gioco “contro” che vi permette di “addestrarvi” all’insidiosità di un giocatore per tanti aspetti opposto ai destrorsi, evitando così di trovarvi magari in partite per voi importanti con l’imprevisto “sinistro”.

Sono pochi percentualmente parlando,, sono ancora meno i giocatori mancini che sono anche maestri di padel ma non disperate e cercateli, possono essere un’importante risorsa per affinare la vostra capacità di rispondere e complicare il vostro attacco con questo tipo di giocatori.

Buon Padel a tutti !

by Roberta Lozza