/Padel amatoriale: Gli elementi da considerare nel giocare
padel amatoriale

Padel amatoriale: Gli elementi da considerare nel giocare

Abbiamo già visto come il padel è uno sport che abbraccia chiunque voglia sperimentarlo, senza limiti di abilità, età e sesso e questo è uno dei suoi grandi pregi ma anche uno dei suoi limiti.

Vediamo infatti sui gruppi sempre più persone, giocatori amatoriali, alla perenne ricerca della pala perfetta, sempre più disponibili a acquisti importanti pur di imbracciare la pala da campione.




Il fatto è che il padel resta uno sport prima di ogni altra cosa e, sebbene permette di mettersi in campo senza grandi pretese e divertirsi da subito, è un errore non valutare tutti gli elementi che ci permettono di giocare e divertirci molto di più.

La pala è un elemento che compone il quadro, la nostra miglior performance la otteniamo quando ad essa abbiniamo preparazione tecnica, preparazione fisica e mentale, con la stessa strenua ricerca che facciamo per la ricerca della racchetta.




Ci sono già alcuni circoli, pochi ancora ma speriamo crescano sempre più, che uniscono tutti i servizi utili anche e soprattutto per i giocatori amatoriali, per fare in modo che la nostra esperienza nel padel possa essere la più felice e duratura nel tempo.




È infatti importante gestire con attenzione la propria alimentazione, per assicurarci che il nostro corpo abbia tutti i nutrienti e l’energia necessari per far funzionare al meglio la nostra “macchina” corpo. Si può giocare anche in sovrappeso ma è evidente che faremo più fatica, saremo meno fluidi e andremo a sovraccaricare le nostre articolazioni oltre i livelli di attenzione e dobbiamo sapere cosa stiamo facendo. Non meno importante, un’alimentazione sbagliata, aumenta la nostra infiammazione aumentando il rischio di infortuni.

Diventa quindi importante affiancarsi anche ad un buon fisioterapista sportivo, che ci aiuta a scaricare/ recuperare lo sforzo fisico, vedere le nostre criticità e suggerirci il modo migliore per preservare il nostro sistema muscolo scheletrico.
È quindi importante abbinare la giusta preparazione fisica, che allena il nostro corpo a gestire i cambi di direzione, gli scatti, il controllo del corpo, la crescita muscolare che ci serve per colpire meglio la pallina e…. per evitare infortuni e infiammazioni infinite.

Non dimentichiamo le lezioni, che ci insegnano la strategia e fondamentale, la tecnica. Perché aldilà di saper fare bene uno smash o una bandeja, il gesto corretto evita problemi fisici e infortuni che ci mettono ko per settimane quando va bene.

È utile anche approfondire l’atteggiamento mentale, con tutte le prime informazioni che ci permettono di stare in campo in modo dinamico, proattivo e specifico per trovare la nostra miglior performance. Perché come ci comportiamo in campo ci comportiamo anche nella vita
Gli amatori spesso dicono che giocano per divertirsi, non sono mica professionisti del padel e nemmeno aspirano a tanto.

È vero, ed è proprio perché non ne siamo professionisti che diventa fondamentale mettere in campo tutto quello che ci preserva da spiacevoli inconvenienti e anzi, sempre più divertimento e competizione sportiva.

Buon Padel a tutti

by Roberta Lozza