/Esiste il 7 in condotta anche nel Padel?
padel regolamento

Esiste il 7 in condotta anche nel Padel?

Se avete letto il regolamento lo sapete, altrimenti ve lo diciamo noi ora. Anche nel padel esiste un codice di condotta che, certo.. non ci porta un punteggio in particolare ma può costarci l’espulsione da una partita importante!

Innanzitutto, va specificato che sebbene non esiste obbligo di divisa di squadra (i giocatori possono entrare in campo anche “spaiati” nell’abbigliamento) è fatto obbligo che calzature, abbigliamento e racchette siano regolamentari.
Veniamo quindi alla condotta e la disciplina, punto saliente per le nostre partite.




Abbiamo estratto alcuni punti del regolamento internazionale di padel alla lettera R del titolo IV “Condotta e disciplina” dice che:

– Tutti i giocatori devono comportarti in modo cortese e educato anche se non stanno partecipando alla competizione, e portare rispetto a qualsiasi persona che incontrano in questo tempo.
– Stessa regola vale per eventuali tecnici e team di supporto che accompagnano il giocatore in campo.
– Eventuali consigli dallo staff tecnico possono essere dati solo nei periodi di riposo tra un game e l’altro
– Iniziato l’incontro il gioco deve essere continuo e nessun giocatore può ritardarlo senza una causa giustificativa oltre i tempi consentiti da regolamento
– Non sono ammesse oscenità udibili o visibili. Sono considerate oscenità quindi le parole comunemente conosciute e intese come espressioni di maleducazione, o offensive, pronunciate chiaramente e con sufficiente volume da essere sentite dai partecipanti. Sono definite oscenità visibili tutti i gesti fatti con le mani o la racchetta o le palle che comunemente hanno un significato osceno o ragionevolmente offensivo.
–  È fatto divieto di tirare violentemente, in qualsiasi direzione una palla al di fuori del campo o oltre la rete mentre il gioco è fermo(!!!).
– I giocatori non possono mai gettare intenzionalmente la racchetta o scagliarla violentemente contro il terreno o la rete, la sedia dell’arbitro, le pareti, la recinzione metallica o qualsiasi altro arredo del campo.
– Non sono consentiti abuso verbale, fisico o aggressione. Sono intesi i comportamenti, gli atteggiamenti e i gesti aggressivi e anti sportivi a danno degli arbitri, degli avversari, del compagno di squadra, degli spettatori e di qualsiasi persona coinvolta nel torneo. È considerato abuso verbale l’insulto così come qualsiasi espressione orale che, anche se non considerato insulto in senso lato, ha intrinsecamente un valore di disprezzo o derisione verso gli altri.
– È valutata negativamente la condotta antisportiva, va quindi evitata qualsiasi azione contraria allo spirito sportivo o alla competizione e, in generale, al rispetto delle norme .




La non osservanza delle regole di condotta quindi non ci porterà un 7 in pagella ma ha comunque delle conseguenze, decisamente spiacevoli.

Vediamo quali!




Prima infrazione = avvertimento
Seconda infrazione = avvertimento e perdita del punto
Terza infrazione = avvertimento con squalifica

Da regolamento le infrazioni commesse dai giocatori e dallo staff tecnico sono cumulabili.

Esiste anche la possibilità di squalifica diretta, applicata in caso di infrazione molto grave (ad esempio aggressione fisica o verbale molto grave). Se la squalifica colpisce uno dei due giocatori in campo, l’incontro è perso e il giocatore reo di squalifica deve abbandonare la competizione in atto. Se colpisce un soggetto dello staff, sia supporto tecnico o il capitano, quest’ultimo deve abbandonare la manifestazione.

Ora, se avete giocato un po’ sapete che il regolamento di condotta non viene così rispettato, soprattutto in assenza di un arbitro. Ci è capitato di seguire anche partite tra giocatori di livello molto alto (senza arbitro) e vedere più di uno di questi punti completamente inosservati.

Eppure a noi del padel piace anche l’idea che possa essere uno sport superiore proprio da questo punto di vista.. che oltre alla sportività in campo, che ci auguriamo sempre presente, possa finire sotto i riflettori anche per l’etica e la condotta sportiva personale.

Anche perché con la rabbia mal gestita si vince meno!!!

Buon Padel a tutti !

by Roberta Lozza