/Racchette da padel per principianti 2021
racchette padel principianti

Racchette da padel per principianti 2021

Un giocatore di padel principiante ha bisogno anche di una racchetta adatta alle sue esigenze.

Ogni anno, nuovi giocatori iniziano a scendere in campo per la prima volta, ed è per questo che hanno bisogno di una racchetta che permetta loro di imparare a giocare, sviluppare una buona tecnica e sentirsi a proprio agio in ogni momento.
I migliori marchi del padel producono anche modelli adatti ai principianti, di seguito ti indichiamo alcune delle migliori racchette per principianti della stagione 2021.




(articolo by Padelnuestro)

HEAD EVO SANYO

Questa racchetta si ispira alla nuova Graphene 360+ Alpha Pro di Sanyo Gutiérrez, infatti, ha esattamente lo stesso design. Tuttavia, è una racchetta di controllo per chi sta muovendo i primi passi nel padel, un modello con un ampio punto dolce per facilitare il contatto, con un telaio in fibra di carbonio e piatti in fibra di vetro. Il nucleo è stato fabbricato con una schiuma Soft Foam, un materiale a bassa densità, per un colpo più confortevole, senza vibrazioni e con più rimbalzo in uscita.




STAR VIE TURNING

La Star Vie Turning è anch’essa una racchetta per chi cerca un gioco di controllo a 360º. Presenta un formato rotondo e un bilanciamento basso, in modo che risulti più maneggevole e con un punto dolce ampio per un impatto ottimale. Per garantire la massima maneggevolezza e comfort è stata fabbricata  al 100% in carbonio, sia per il telaio che per i piatti. Inoltre, il nucleo è composto da una gomma Eva Soft per favorire il controllo, l’assorbimento delle vibrazioni e il comfort al tatto.

BULLPADEL SHAKE

La nuova Bullpadel Shake si caratterizza per essere una racchetta leggera e maneggevole adatta ai giocatori di padel occasionali. Presenta un bilanciamento basso e un formato rotondo, concentrando il peso verso l’impugnatura per essere più maneggevole. Ampio anche il suo punto dolce per facilitare il controlo durante il colpo. Nonostante sia una racchetta entry-level, vanta una fabbricazione di alta qualità con un telaio in carbonio al 100% e piatti in fibra di vetro. Inoltre, un nucleo Evalastic, la gomma più morbida ed elastica della collezione Bullpadel. Come ulteriore dettaglio, il telaio include una protezione adesiva che lo protegge da urti e graffi.

SIUX SONIC

La Siux Sonic è una delle racchette per principianti con il miglior rapporto qualità-prezzo.Un’arma di controllo al 100%, per la maneggevolezza dei giocatori in erba. Presenta un formato rotondo con uno punto dolce ampio per facilitare il punto di contatto perfetto. Per quanto riguarda i materiali, dispone di un telaio tubolare in 100% in carbonio e piatti in fibra di vetro. In questo modo, resistenza e comfort raggiungono un equilibrio perfetto. Infine, troviamo un nucleo Eva Ultra Soft, una delle gomme Eva più morbide sul mercato, per un colpo confortevole, con controllo e con molto rimbalzo.

ADIDAS DRIVE 3.0

La Adidas Drive 3.0 è una delle racchette preferite dai principianti, soprattutto perché è un esempio della grande qualità di un marchio di grande prestigio come Adidas. Si tratta di un modello di controllo con una forma rotonda e un ampio punto dolce. La sua struttura è 100% in fibra di vetro, in combinazione con un nucleo Eva Soft Performance, una delle gomme più morbide sul mercato.

DUNLOP RENEGADE

La Dunlop Renegade fa parte di una delle collezioni di racchette più esclusive di Dunlop. Si centra al 100% su un gioco di controllo, precisione e maneggevolezza. Per ottenere ciò, è stata fabbricata con un formato rotondo e un bilanciamento basso. In questo modo, acquisisce uno punto dolce più ampio e una maggiore sensazione di agilità. L’apetto migliore di questa racchetta è che, nonostante sia per principianti, è dotata di materiali di fascia alta. La sua composizione è 100% in carbonio, sia per il telaio che per i piatti. Ciò significa che oltre a fornire un buon controllo, può garantire una notevole potenza.

Buon padel a tutti !

in collaborazione con Padelnuestro (articolo di Francesco La Rocca)