/Luigi Carraro rieletto presidente della FIP
Luigi Carraro fip padel

Luigi Carraro rieletto presidente della FIP

Luigi Carraro è stato confermato all’unanimità presidente della Federazione internazionale Padel (FIP) per il prossimo quadriennio.

Il dirigente italiano è stato rieletto nel corso dell’Assemblea Generale, riunita nel Salone d’Onore del Coni.

Carraro era diventato presidente dell’organismo mondiale, per la prima volta, a novembre del 2018 ad Asunción, Paraguay. Nel board sono stati eletti l’argentino Nicastro, il brasiliano Langer, lo spagnolo Morcillo, il giapponese Nakatsuka, il messicano García e l’italiano Roberto Pellegrini.

Sono stati altresì affiliati alla federazione otto nuovi Paesi, a testimonianza della crescente espansione della disciplina a livello mondiale. Si tratta di Bulgaria, Corea del Sud, Ecuador, Georgia, Malta, Qatar, Turchia e Ucraina.

C’è molta soddisfazione per aver contribuito a riunire la Federazione Internazionale di Padel. Ottenere l’unanimità dei voti dei presenti credo sia un grandissimo risultato, non solo per me ma per soprattutto per il mondo del padel che oggi sta crescendo molto e merita di avere una Federazione che sia governata da tutti, con il supporto di tutti. Sono molto sodisfatto anche del fatto che siano entrati in Giunta Direttiva anche Spagna e Argentina che non erano presenti nella scorsa legislatura“. Sono le parole di Luigi Carraro confermato all’unanimità Presidente della Federazione Internazionale Padel per il prossimo quadriennio, all’Adnkronos. “Il padel sta avendo un boom in tutto il mondo e credo che oggi abbiamo eletto un nuovo vertice della Federazione Internazionale che fino ad oggi ha scritto una buona pagina e penso che da domani ne potrà scriverne una ancora migliore“.

Tanti gli appuntamenti che attendono il presidente. “I prossimi appuntamenti sono gli Europei di Padel a Marbella dal 28 giugno al 4 luglio, abbiamo poi i Mondiali juniores in Messico a fine settembre, i Mondiali veterani negli Usa a Las Vegas e i Mondiali assoluti in Qatar a novembre. Quindi sarà un anno pienissimo e speriamo che già dagli Europei ci sarà una parte di pubblico in presenza. In Spagna ai primi di luglio penso che il 60-70% di pubblico lo potremmo avere“, ha aggiunto Carraro.







Abbiamo unito i ranking con il World Padel Tour, che sono parte del circuito professionistico del mondo del padel a tutti gli effetti. Oggi la cosa buona è che il padel cresce e anche a livello istituzionale c’è una uniformità di gestione che è importante“, ha spiegato il presidente della federazione Internazionale.

A Roma come in altre città italiane è padel mania e non si riesce a trovare un campo libero. “Il padel cresce a ritmo serrato e quello che succede a Roma, succede anche in tutto il mondo. Una cosa di cui ci siamo occupati dal primo minuto da quando è scoppiato il covid, è stato di far capire ai Governi dei vari Paesi che il padel è uno sport sicuro. Abbiamo fatto un protocollo insieme alla comunità scientifica internazionale e questo è stato di aiuto un po’ a tutte le federazioni per far riconoscere il padel sicuro un po’ in tutti i paesi, come è avvenuto in Italia. Quindi paradossalmente il 2020 è stato l’anno di più grande crescita per il padel, un anno difficile è stato per noi l’anno di più grande crescita“, ha concluso Carraro.

Buon Padel a tutti !

by Mr Padel Paddle