/Michele & Denny: La Spagna non è più così lontana
bruno e cattaneo padel spagna

Michele & Denny: La Spagna non è più così lontana

Denny Cattaneo e Michele Bruno passando il primo turno di pre previa nel Master di Marbella in Spagna sono i primi italiani nella storia a superare un turno in un Master World Padel Tour

Sabato scorso hanno superato il primo turno contro Bressel (n.143) e Campos (n.130) in tre set 7-5/3-6/6-1 e sono usciti sconfitti nel match serale contro Ramirez (n. 107)- Bautista (n.124) per 3-6/6-7




Li abbiamo intervistati entrambi per capire le loro sensazioni dopo questo risultato e gli obiettivi futuri

Contenti di questa esperienza in Costa del Sol?
Denny: Si sono molto contento di com’è andato questo torneo.
Michele: Anche io ovviamente soddisfatto di questa esperienza in Costa del Sol ,questo è stato il mio secondo WPT ,contento di averlo giocato con Denny , abbiamo espresso un ottimo padel trovandoci in sintonia. Avevamo già fatto altri tornei ma questo è stato sicuramente il migliore.

Vi aspettavate la vittoria nel primo turno di pre previa con due giocatori intorno al numero 130 al mondo?




Denny: A questo livello, per una coppia italiana, aspettarsi la vittoria è difficile. Sicuramente pensavo che avremmo potuto fare bene e così è stato.
Michele: Si sono entrato in campo per vincere, pronto per far bene anche se poi sappiamo tutti quanti che nel circuito WPT già dalla prima partita è una battaglia. Io e Denny però eravamo carichi al punto giusto e abbiamo fatto un ottima partita. Facendo anche un ottimo risultato a livello italiano perché sappiamo di essere la prima coppia ad aver vinto un turno di pre previa in un Master del circuito World Padel Tour.

Cosa vi è mancato per battere Ramirez/Bautista nel 2° turno?




Denny: Per battere Ramírez/Bautista ci è mancata un po’ di abitudine a giocare a questi ritmi e sicuramente rimanere concentrati fino alla fine di ogni punto perché questi giocatori, anche quando il punto sembra finito, riescono a tirare su delle palle che sembrano impossibili. Siamo stati avanti di un break ogni set, quindi con un po’ di esperienza e solidità in più, avremmo potuto vincere anche questa.
Michele: Per vincere contro loro ci è mancata un pò di esperienza e di tenuta fisica perché comunque dopo una bella battaglia nel mattino rientrare in un campo per un altro match di livello devi essere pronto sia a livello fisico che mentale a rimetterti in gioco. Abituarti a fare partite di questo livello ti aiuta a gestirle sempre meglio, noi abbiamo forse dato tutto nella prima partita arrivando stanchi la sera ma nonostante ciò abbiamo giocato una partita alla pari avendo anche tante chance per poter far bene. Nel primo set ci siamo trovati in vantaggio di 3-1 con la palla per il 4-1 senza sfruttarla, nel secondo set siamo andati sul 5 a 3 con l’opportunità di servire per il set ma anche quella chance purtroppo non l’abbiamo sfruttata. Tante occasioni che magari con un pò più di esperienza le vai a gestire meglio. Abbiamo comunque trovato fiducia e soprattutto la consapevolezza che abbiamo i mezzi per poter giocare a questi livelli.

Come coppia è stata solo una tappa estemporanea giocare insieme o pensate di fare altri tornei Wpt in coppia?

Denny: Guarda, la scelta di giocare insieme è nata circa una settimana fa, prima dell’inizio del torneo, per caso, ed è andata bene. Sicuramente avremo altre occasioni per giocare insieme, ma per ora non abbiamo pianificato nulla.
Michele: Penso che faremo qualche altra esperienza insieme , qualche altra tappa WPT dopo questa tappa positiva, ci riproveremo sicuramente.

Pensate sia lunga la strada per arrivare tra i primi 100 al mondo per voi e in generale per altri giocatori italiani?
Denny: La strada per arrivare tra i primi 100 non è lunga! Le cose che servono per entrare tra i 100 sono:
Allenarsi tanto per cercare di migliorare sempre di più.
Avere un progetto con un compagno, possibilmente fisso.
Giocare gran parte, se non tutte, le tappe del WPT e FIP per ottenere esperienza e la consapevolezza che anche noi italiani possiamo arrivare a certi livelli.
Michele: Per arrivare a questi livelli servono tanti sacrifici, tante esperienze internazionali , però la voglia c’è , il livello in Italia cresce sempre di più, siamo diversi giocatori che provano a fare un pò più di attività internazionale. Secondo me si può fare, le partite giocate con Denny sono la testimonianza che ci siamo avvicinati sempre di più a questo livello. fino a due anni fa fare partita in questi tornei sarebbe stato impensabile invece ad oggi siamo riusciti anche a vincere un turno e a giocarcela alla pari nel match successivo perciò queste sono tutte esperienze che ci devono dare forza e voglia di continuare ad andare avanti.

Buon Padel a tutti

by Mr Padel Paddle

articoli correlati:

Storico 2 coppie con italiane nel Cuadro del Marbella Master!

La culla del Padel: Spagna Anni ’70