/Delfina Brea: il sogno è la Top 4

Delfina Brea: il sogno è la Top 4

Delfina Brea Senesi con Tamara Icardo ha vinto gli Open di Santander e di Valencia del World Padel Tour

Abbiamo intervistato l’argentina che vuole ancora stupire: “Soddisfatta, ma siamo all’inizio. Io e Tamara puntiamo in alto”




L’argentina Delfina Brea Senesi, 21enne di Buenos Aires, insieme alla compagna Tamara Icardo è una delle coppie più in forma e sorpresa di questo World Padel Tour 2021. Sono già riuscite a vincere gli Open di Santander e di Valencia e sono approdate anche alle semifinali di Vigo e Madrid. Attualmente al n°13 nel ranking WPT, Delfi è una giocatrice di destra, e figlia del grande coach Nito Brea, e con Tamara è allenata dall’esperto ex giocatore Gaby Reca.

Quando hai iniziato a giocare a padel?




“Seriamente a 12 anni nel circolo di mio padre. In realtà sin da quando ero molto piccola giravo per il circolo con la racchetta in mano”.

Quali sono gli insegnamenti di tuo padre Nito che tieni sempre a mente quando giochi?




“Punto sempre a restare tranquilla e a mantenere il mio equilibrio, cercando di gestire le emozioni, così da affrontare la partita tatticamente e mentalmente nel miglior modo possibile”.

Sei giovanissima, ma sono già molti anni che giochi al WPT, cosa hai apprezzato di più di ognuna delle tue compagne con cui hai giocato?

“Ho imparato tantissimo da loro, sono state superlative e con loro ho mantenuto un rapporto molto bello”.

Quali sono i tuoi colpi migliori e quelli su cui lavorare?

“Devo migliorare su tutto, ad esempio negli ultimi anni ho perfezionato la mia aggressività e mobilità in campo, ma ho ancora tanta strada da fare per essere sempre all’altezza delle sfide che si presenteranno”.

Quest’anno giochi con Tamara Icardo, cosa ti piace di più di lei?

“Tutto! Ha dimostrato di essere al livello delle migliori pur con la sua breve esperienza. Penso che insieme possiamo raggiungere grandi traguardi”.

Se dovessi scommettere su una giovane coppia femminile per i prossimi anni, su chi punteresti?

“Ovviamente per noi (ride, ndi)! Con Tamara siamo giovani e abbiamo un’ottima intesa”.

Siete soddisfatte di queste prime tappe del WPT e quali sono i vostri obiettivi 2021?

“Siamo molto soddisfatte e tutto sta andando oltre le nostre aspettative iniziali, tanto che i nostri obiettivi sono cambiati e sono molto più ambiziosi; oltre a consolidarci, ora puntiamo a entrare tra le top 4”.

Cosa ti piace di più della tua Bullpadel Vertex 03 Woman Pro 2021?

“Decisamente il suo equilibrio, la potenza e il controllo, un prodotto di eccellenza”.

Hai già giocato in Serie A in Italia, pensi di tornare?

“Magari! Amo l’Italia e mi piacerebbe molto tornare, è un torneo divertente, competitivo che sta diventando sempre più interessante”.

Che ne pensi del movimento in Italia?

“Una grande crescita, con la nascita costante di nuovi club e giocatori che ho avuto il piacere di conoscere; anche la tappa del WPT a Cagliari è stato un passo importante per far conoscere a tutti lo spettacolo del padel”.

Buon Padel a tutti

by Mr Padel Paddle

in collaborazione con il Corriere dello Sport

El Tiburon del Padel è tornato: Maxi Sanchez!