/Martin Di Nenno “El Rengo” del Padel

Martin Di Nenno “El Rengo” del Padel

Abbiamo intervistato Martin Di Nenno finalista con Paquito Navarro all’ultima tappa del World Padel Tour a Malaga in Costa del Sol

Martín Di Nenno è un giocatore argentino di 24 anni originario di Ezeiza, provincia di Buenos Aires. Attualmente è al n° 11 della classifica del WPT e da quest’anno gioca in coppia con lo spagnolo Paquito Navarro con il quale ha raggiunto una finale all’Open di Vigo. È un giocatore di destra in forte ascesa tanto che ha vinto il premio di rivelazione del 2020 del World Padel Tour.




Come hai conosciuto il Padel e hai praticato altri sport?
“I miei genitori hanno da 20 anni un circolo a Ezeiza e così sono cresciuto con la racchetta in mano, facendo i miei primi tornei a 7 anni. Ho giocato anche a calcio e tennis, ma il padel mi ha stregato“.

Quando hai capito che potevi diventare uno dei giocatori più forti al mondo?
È difficile rispondere; di certo mi considero una persona molto ambiziosa e lavoratrice, binomio che mi ha aiutato a raggiungere gli attuali risultati“.

Il tuo soprannome “El Rengo” nasce in memoria di alcuni momenti dolorosi di anni fa; come sei riuscito a superare quel dramma?
I miei amici mi chiamano così! Rengo significa tanto per me e mi aiuta a lottare ogni giorno per dimenticare quel bruttissimo episodio e i tanti sforzi fatti per recuperare“.




Punti di forza e debolezza come giocatore?
“I miei punti forti sono la difesa e poi…beh, meglio non farli sapere ai miei avversari, ah ah ah”.

Cosa ti piace della Bullpadel Vertex 03 Comfort?
Ha quella potenza che manca al mio gioco ed è una racchetta con un grande controllo che mi fa giocare con sicurezza, anche da fondo campo“.

Quali sono le coppie favorite e i possibili outsider del 2021?
Ci sono molte coppie che aspirano ad arrivare in alto e noi siamo una di queste! Mancano ancora molte tappe, tutto può succedere“.

Se chiudi gli occhi e pensi a una vittoria, quale ti viene in mente?
Il mio WPT dopo il recupero nel 2017 a Coruña con Lucas Campagnolo e nel WPT di Buenos Aires con Juan Restivo; sono grandi amici“.

Con Navarro fino a oggi due semifinali e una finale, vi aspettavate di più?
“Siamo contenti, ma convinti che possiamo fare meglio, anche se la concorrenza quest’anno è veramente tanta“.

Sui social sei molto attivo con Paquito e ci divertiamo molto con i vostri siparietti; ma chi è il trascinatore?
Paquito è senza dubbio il re dei social, consiglio a tutti i suoi imperdibili “balli” su TikTok!“.

Da 5 anni partecipi alla Serie A con l’Aniene, cosa pensi della tua squadra?
“Al di là del grande potenziale tecnico, la verità è che siamo una famiglia e l’artefice di tutto ciò è senza dubbio Alessandro Di Bella“.

Hai origine italiane?
“Sì, il mio bisnonno era italiano, ma tutta la mia famiglia è nata in Argentina“.

Boca o Argentinos?
“Tutti e due, anche se noi tifosi del Boca pensiamo sempre che è la squadra più forte del mondo, ah ah ah”.

Hai giocato con tanti campioni come Sanchez e Navarro, ma si dice in giro che il più forte è Alessandro Di Bella…
Assolutamente sì! Alessandro resta imbattuto, non ha mai perso una eliminatoria in Serie A e questo lo rende il più grande di tutti… ah ah ah“.

Buon Padel a tutti

by Mr Padel Paddle

in collaborazione con il Corriere dello Sport

articoli correlati:

Delfina Brea: il sogno è la Top 4