/10 tips per migliorare la battuta nel Padel amatoriale

10 tips per migliorare la battuta nel Padel amatoriale

Nel padel, si è detto, non è così semplice fare punto già dalla battuta ma, per il livello amatoriale non è così inusuale realizzare un vincente o comunque mettere in grande difficoltà gli avversari.

Certo è che niente succede per caso, eccovi quindi 10 suggerimenti per potenziare questo colpo così spesso dato per scontato.




  1. Allenati: Quando si prendono lezioni, più facilmente l’attenzione viene posta su tutti gli altri colpi dell’arsenale del padel perché, di fatto, per allenare la battuta sarebbe sufficiente prendere un cesto e continuare a battere. Se il tuo maestro non dovesse dedicare tempo a questo colpo, chiedi tu di poterlo esercitare con la sua supervisione, per imparare a controllarlo al meglio. E fallo davvero, con un cesto ritagliati un po’ di tempo con regolarità per macinare battute.
  2. Abituati a variarla in campo. Angolata con la parete, centrale all’incrocio delle righe oppure al corpo. La varietà impedisce al tuo avversario di prevedere che colpo farai, sarà costretto a mantenere massima attenzione. Come anche, gli sarà più difficile neutralizzare i tuoi colpi più efficaci perché la mancata ripetizione dello stesso colpo, complica l’apprendimento avversario.
  3. Oltre che variare la posizione, impara anche a variare velocità e potenza. Devi poter avere il controllo anche di questi due aspetti per poter prendere contro tempo i tuoi avversari, oppure ancora per poter usare l’imprinting più fastidioso per il tuo avversario. Se stai giocando con un tennista ad esempio, una palla veloce sarà peggio di un boomerang, ti tornerà in campo al doppio della velocità con cui l’hai spedita, mettendo te o il tuo compagno in seria difficoltà. In questo caso una palla con rimbalzo alto, oppure lenta, oppure corta potrebbe essere molto più efficace.
  4. Impara a darle effetto. Come si tagliano i colpi durante il gioco, altrettanto si può fare in battuta. Tagliare una battuta permette senza’altro di cogliere di sorpresa l’avversario, spesso anche di minarne la stabilità e la buona posizione in campo.
  5. Studia l’avversario. Ogni volta che sei in battuta, ricordati di porre attenzione a come l’avversario risponde ai tuoi colpi, individua i suoi punti deboli per sfruttarli il più possibile a tuo vantaggio (sempre mantenendo la massima varietà nel mix posizione, forza e velocità).
  6. Informa il tuo compagno. Dovresti sempre informare il tuo compagno di squadra rispetto a come intendi aprire il gioco perché a seconda di dove scegli di battere, le possibilità di risposta dell’avversario sono mediamente prevedibili. Sapendo quindi se batterai laterale o centrale, il tuo compagno può essere più reattivo e consapevole rispetto a cosa succederà quando la palla sarà colpita dall’avversario.
  7. Sperimenta anche in partita. Va bene allenare la battuta con sessioni di allenamento, al pari degli altri colpi. Impara anche a sfruttare partite semplici o con punteggi particolarmente positivi per sperimentare con la prima di servizio. Non devi infatti sottovalutare la differenza emotiva vissuta in partita rispetto all’allenamento e all’avversario presente dall’altra parte della rete. Sperimentare in partita, già solo per il coinvolgimento emotivo, ti vale come più sessioni di allenamento. Per la seconda di servizio muoviti sempre in sicurezza. Se riesci a dare profondità meglio ma è più importante mandarla di là evitando il doppio fallo.
  8. Impara ad usare la battuta corta. Saper battere corto può esserti utile nei momenti in cui tu, o anche tu e il tuo compagno, vi trovate in una fase di sfiducia dove una battuta vincente può darvi quel quid in più per uscire da una serie negativa. Ricordati solo di non usare mai questo tipo di battuta quando hai avversari reattivi e veloci nei recuperi sotto rete per evitare il famoso effetto boomerang. Ti troveresti infatti a dover gestire un recupero riuscito e la posizione sotto rete regalata agli avversari. Usala quando sei moderatamente certo che non sarà ribattuta.
  9. Impara a partire con la pala alta. È la strada di avvio per condizionare il tuo gesto al taglio e ti aiuta a imparare più facilmente a colpire in profondità e con palle che rimbalzano poco, impedendo all’avversario una risposta troppo semplice
  10. Diventa bravo da entrambi i lati. Abbiamo sempre una diagonale che ci è più congeniale, dove gestiamo meglio il controllo, la direzione e la velocità/ potenza. Con la diffusione del punto de oro anche a livello amatoriale, diventa sempre più importante saper essere incisivi in egual misura da entrambi i lati, per essere efficaci e magari vincenti anche laddove è l’avversario che decide dove farci battere il servizio.

Buon padel a tutti

by Roberta Lozza

articoli correlati by Mr Padel Paddle:




Il decalogo per diventare un bravo allievo di Padel