Padel Internazionale

E’ scontro frontale nel Padel: Associazione giocatori vs WPT

E’ guerra totale tra l’Associazione dei giocatori professionisti (PPA) presieduta da Ale Galan e il World Padel Tour

Cerchiamo di capire esattamente cosa è successo…

In questi giorni il General Manager Mario Hernando del World Padel Tour  aveva inviato una mail a tutti i giocatori del circuito professionistico in quanto diversi di loro si erano lamentati per la mancanza di informazioni su quali sarebbero stati i prossimi obiettivi del circuito stesso (nel 2023 scadrà il contratto tra giocatori e WPT) addossando la colpa all’Associazione dei giocatori professionisti presieduta da Ale Galan. Il WPT nella mail girata a tutti i giocatori allegava inoltre un documento dove in sintesi si riassumevano quali sarebbero stati i benefici per i giocatori in caso di rinnovo.
Non si è fatta attendere la risposta dell’associazione PPA che non solo ha dichiarato che non vi era mai stata una proposta di rinnovo seria ma ha accusato il WPT di aver travisato i fatti, di aver avuto una condotta ingannevole in questi anni e a suo solo esclusivo interesse e non rivolto allo sviluppo del padel e dei suoi giocatori.

L’Associazione nella lettera ai giocatori ha ribadito che sta lavorando nell’interesse dei giocatori per sviluppare questo sport sotto l’ombrello e la protezione della Federazione Internazionale di Padel (FIP) e sotto gli auspici del Comitato Olimpico (CIO).
Sempre la PPA afferma che è stata ricevuta una decisa proposta per lo sviluppo di un nuovo circuito da uno dei principali fondi di investimento nello sport mondiale (ndr: quello di Al Khelaifi) che intende operare sotto la Federazione Internazionale e che a breve sarà a disposizione di tutti i giocatori per valutare la bontà di questo modello orientato allo sviluppo di questo sport.
L’entrata in campo dell’imprenditore qatariota (presidente del PSG e uno degli uomini più ricchi del mondo) in questo sport rivoluzionerà tutti gli equilibri politici del padel.
La guerra del padel è appena scoppiata…

La mail del General manager World Padel Tour

Il General manager Mario Hernando aveva dichiarato, in questa missiva via mail, che i nuovi principi di organizzazione del circuito erano stati trasmessi all’Associazione dei giocatori (PPA) il 30 dicembre 2021 e che tale modello pensava fosse stato girato e a disposizione di tutti coloro che volessero entrare a conoscenza dei dettagli.
Purtroppo non è stato cosi e il WPT ha deciso di riallegare il documento esplicativo che illustra le idee e i principi cardine del nuovo modello Circuito, “che si riassume in tre assi principali di beneficio per i giocatori:
1.- La partecipazione del collettivo ai benefici (e alle altre richieste che storicamente ha richiesto al Circuito) e alle decisioni in modo equilibrato e vincolante
2.- Gli investimenti economici che riteniamo dovrebbero essere indirizzati per lo sviluppo del padel come sport in tutte le sue aree.
3.- Un aumento sostanziale dei premi a partire da questa stagione 2022 (moltiplicando per 3 volte i premi attuali nell’Open e per 5 volte i premi attuali nella categoria Master o Grand Slam).
Vorremmo sviluppare questo documento di lavoro in modo consensuale con l’intero gruppo di giocatori, con la forma di rappresentanza che ritenete sempre opportuna e che vi chiediamo di condividere con noi nei nostri prossimi incontri. Il nostro unico obiettivo è costruire insieme un nuovo Circuito Professionale che migliori quello attuale e che ci soddisfi tutti“.

La risposta del presidente Ale Galan dell’Associazione giocatori

Lo scopo di questa e-mail è di togliersi di mezzo la controversia sollevata tra il collettivo dei giocatori in relazione alla Professional Players Association (PPA), ed espresso via email dal WPT all’intero gruppo di giocatori di ieri.
Prima di tutto, vogliamo informarvi che ciò che il WPT ha dichiarato al gruppo di giocatori è un travisamento assoluto sui fatti. Mentre è vero che c’è stata una piccola presentazione del WPT a cui hanno partecipato tre giocatori del Consiglio Direttivo dell’Associazione, non c’è mai stata una proposta di rinnovamento ferma e vincolante.
La condotta del WPT negli ultimi giorni è del tutto coerente con il suo approccio ingannevole, esclusivamente interessato e tendente a sottovalutare sia lo sport che gli atleti per tanti anni.

Al contrario, da parte dell’Associazione, abbiamo lavorato instancabilmente, il più rapidamente possibile ed esclusivamente nell’interesse di tutti i giocatori per sviluppare il futuro per il nostro sport sotto l’ombrello e la protezione della Federazione Internazionale di Padel (FIP), il più alto organo di governo e regolamento del nostro sport e sotto gli auspici del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e con i finanziamenti, le risorse e le conoscenze necessarie tecniche che cambieranno il nostro sport e di conseguenza il benessere di tutte le future generazioni di giocatori. Così si gestisce uno sport di successo mondiale: non solo legato e comandato da soggetti privati, ma che siano propriamente e professionalmente disciplinati dalla Federazione corrispondente, con investimenti significativi e gestione aziendale di prim’ordine, stabiliti nell’interesse di giocatori che garantiscono i principi guida dello sport e degli atleti.
Come accennato, l’Associazione sta avanzando a buon ritmo in questi colloqui, e ci sarebbe piaciuto poterlo comunicare in anticipo al gruppo di giocatori, senza tuttavia esserci riuscita a causa di severi requisiti legali e di altro tipo e della velocità con cui gli eventi si sono sviluppati (anche durante le festività natalizie).


Quello che possiamo dirvi ora è che è stata ricevuta una ferma proposta per lo sviluppo di un nuovo circuito di uno dei principali fondi di investimento nello sport mondiale che intende operare sotto il rigido auspicio e la verifica del movimento federativo internazionale organizzato. Questa offerta, giuridicamente vincolante e ampiamente elaborata, è stata ricevuta negli ultimi giorni, e subito dopo averla ricevuta abbiamo iniziato a comunicarla ai giocatori. La negoziazione delle condizioni di partecipazione a detto circuito, e per evitare l’ingerenza di terzi che potrebbero condizionarla, è stata effettuata dal Consiglio Direttivo dell’Associazione sotto la massima riservatezza, discrezione e ricerca in tutto momento le migliori condizioni per l’intero gruppo di giocatori, indipendentemente dalla loro posizione nella classifica. A causa di una combinazione di (1) il numero e la diffusione geografica del nostro Giocatori; (2) le restrizioni di riservatezza a cui eravamo e continuiamo ad essere; (3) l’approccio corretto di non comunicare nulla fino a quando non abbiamo avuto un’offerta sostanziale e giuridicamente vincolante, che abbiamo ricevuto solo negli ultimi giorni (e che, a evitare dubbi, non abbiamo mai ricevuto da WPT); e (4) il fatto che tutto questo sia accaduto le festività natalizie, ha reso semplicemente impossibile comunicare questo fatto prima, più velocemente o più ampiamente di quanto abbiamo fatto.

Per intenderci, coerente con il suo comportamento e trattamento dei giocatori nel corso degli anni, l’ultima proposta ricevuta dal WPT, risponde solo ai propri interessi e si è limitata a replicare parte (o anche tutto) dei punti concordati dalla FIP e dal nuovo fondo di investimento. Inoltre, il WPT ha avuto numerose opportunità – nel corso di mesi, se non anni – per presentarci una proposta solida e degna con il gruppo dei giocatori; opportunità che non hanno mai voluto approfittare come dimostrano i loro sfortunati tentativi di rinnovamento durante questo passato anno 2021. Ripetendo ancora, poiché questo è fondamentale, il passato e il futuro del nostro sport nell’ambito della struttura privata di WPT non è disciplinato, regolamentato o garantito da una Federazione; non ha il supporto del CIO o di altre parti correlate; e tratta i giocatori come qualcosa di secondario nonostante tutte le nostre ripetute proteste. Nessuno sport di successo nel mondo è gestito in queste condizioni. Il lavoro svolto dal Consiglio Direttivo dell’Associazione ha portato a raggiungere un accordo vantaggioso per il futuro del nostro sport. il nostro unico l’obiettivo è migliorare il nostro sport attraverso la trasparenza e la solidarietà tra i giocatori; Pertanto, condanniamo qualsiasi tentativo da parte di terzi di tentare di confrontarsi con il gruppo di giocatori tra di loro. Chiediamo a tutti voi di affidarvi a noi, tutte le informazioni riguardanti la start up dell’Associazione affinché possiate aderirvi, nonché quanto concordato con la FIP e il fondo di investimento leader a livello mondiale ti verrà inviato in modo ordinato e risolveremo qualsiasi tipo di problema dubbio o requisito che hai al riguardo. Stiamo lavorando per il bene di tutti, e oggi più che mai abbiamo bisogno di un collettivo unito per il bene comune del nostro futuro, per la libertà del padel e per aspirare a praticare uno sport correttamente regolato, che avanza in termini economici e con l’obiettivo di convertirlo Olimpico a medio termine con l’aiuto della FIP

Buon padel a tutti

by Mr Padel Paddle

articoli correlati:

Bomba nel Padel: Nuovo Circuito con lo sceicco Al Khelaifi

 

 

Articoli correlati

Ale Galan : Occhi puntati su di noi? Non ci spaventa!

Mr Padel Paddle

Mondiale Padel: il programma delle semifinali

Mr Padel Paddle

Ibrahimovic: La sua sesta meraviglia…di Padel

Mr Padel Paddle