Top Interviste

Belasteguin: Il futuro del Padel è solo sotto la FIP

belasteguin federazione internazionale padel

Fernando Belasteguin (Pehuajó, 1979) aggiunge un altro anno alla sua collezione sollevando trofei

Una ‘tradizione’ iniziata nel 1995 e che si estende, per il momento, fino al 2022, dove Belasteguin ha aperto la stagione in grande stile conquistando il Miami Open World Padel Tour insieme al giovanissimo Arturo Coello.

Ora, di ritorno dalle terre americane e con il focus già su Reus Open -il secondo torneo dell’anno, Fernando Belasteguin la leggenda argentina è stato intervistato da MARCA, quotidiano sportivo spagnolo, per analizzare quello che è stato questo inizio di stagione che vedrà i migliori giocatori al mondo giocare prove di due circuiti diversi.

DOMANDA. Come stai, come hai vissuto questo inizio di stagione?

RISPOSTA. Molto bene, felice, mi piace sempre la pausa e il precampionato, ed essere stato a Pehuajó, dove non andavo da due anni, mi ha fatto capire tutto ciò di cui avevo bisogno per stare a casa con i miei genitori. È stata una somma di tutto, e questo accoppiato con un ottimo inizio di stagione sul campo, e anche se tutti hanno le loro aspettative, onestamente non mi aspettavo di vincere un torneo così presto.

P. Leggi 227 titoli ed è spaventoso. Come si sente Belasteguín quando vede tali figure?

R. E’ una cifra considerevole, mi dici ora parlando a freddo al telefono e la verità è che aver vinto così tanti titoli e aver raggiunto quel numero di finali è molto bello, non c’è dubbio. Ma lo dico chiaro, mi divertirò molto e sarò contento della gara che ho fatto quando non giocherò più. E come ho detto nel torneo, lo sport si misura da ciò che vali oggi, dall’attuale livello di gioco, è inutile ciò che è stato raggiunto in passato, e questo mi fa preoccupare di mantenere il livello competitivo ed essere il più alto possibile, perché se no lo sport mi farà uscire da questo rapidamente.

Sono molto felice perché so che a giocatori come Paquito, Galán, Lebrón, Di Nenno o me sono stati offerti tra i 300 e i 500 mila euro in modo che la nostra decisione sia per una parte o per l’altra. E nessuno di loro si lascia comprare

P. A livello di gioco, come ti sei trovato a Miami?

R. Sono diventato di nuovo un giocatore solido, e dopo l’infortunio del 2018 che mi ha quasi lasciato fuori dalla mia carriera sportiva, e poi da quella del 2019, non avevo mai trovato la regolarità per giocare bene durante un intero torneo. Sono contento perché penso di essermi comportato ad un ottimo livello durante le cinque partite del torneo. A livello di coppia, l’anno scorso eravamo chiari sul fatto che quando noi due coincidevamo ad alto livello eravamo in grado di battere chiunque, e penso che sia successo a Miami.

Ho sentito molte persone dire che lavorano per il bene del padel come sport, e penso che dal 2024 vedremo l’intenzione e la maschera a tutte quelle persone

D. Quanto è stato speciale aver ‘preso per mano Tapia e Coello’ verso i loro primi titoli?

R. È stato molto speciale, senza dubbio. Agus è stato il più giovane a vincere un torneo, poi il più giovane a vincere un Master e ora con Arturo abbiamo preso il record da Agustín. È qualcosa che ricorderò per tutta la vita, tutti e tre. Sono due giocatori che daranno molto spettacolo, e quando tra qualche anno ci incontreremo, non ho dubbi che mi verrà in mente.

D. Cosa hai visto in Arthur per decidere di unirti a lui?

R. L’ho incontrato a Marbella 2020 e sono rimasto sorpreso di vederlo in una partita in cui, dopo ogni punto che ha fatto, ha detto “quanto sono bravo”. Sono rimasto molto colpito dalla sua personalità e da quel giorno ne ho tenuto conto, mi è piaciuto molto che un giocatore così giovane abbia vinto un punto in una partita precedente e lo abbia detto. Al momento del cambiamento l’ho vista come una grande opportunità, inoltre mi sento molto a mio agio con i giocatori mancini, e la verità è che sono molto felice.

Finali world padel tour Miami Padel Open

D. Tornando a Miami, le critiche di Lebrón e Galán su alcuni aspetti organizzativi sono molto note. Come l’hai vissuta?

R. Ogni volta che mi chiederanno di un collega sarò dalla loro parte, perché per me il giocatore è la cosa più importante. Non ero lì quel giorno, ma penso che tu debba analizzare una serie di cose. In primo luogo, Wayne Bosch si è dato una Wildcard perché le regole del World Padel Tour lo consentono, e penso che non si debba dare tutta la colpa all’uno o all’altro, ma penso che abbia anche un po’di colpa. Se possiedi un torneo e sei un giocatore dilettante non puoi vincere una Wildcard, è la mia opinione, e per rispetto per lo sport. Non credo di mancare di rispetto al padel, ma c’erano già molte cose di cui i giocatori non erano soddisfatti, avendo lasciato fuori una coppia del tabellone principale… ma insisto, non è colpa di Wayne, continua a realizzare le cose che WPT gli permette di fare.

Poi, quello che è successo nella partita contro Garrido e Campagnolo, come mi è stato detto dai ragazzi c’erano un certo numero di persone che applaudivano, Juan si è riscaldato… ma il problema è arrivato quando un’altra persona a cui era stata data anche una Wildcard ha detto qualcosa a Lebrón, e questo non va affatto bene. E’ stato un accumulo di cose. In WPT abbiamo un protocollo in cui la coppia con il miglior ranking segna il colore della maglia con cui giocherà ed è anche la coppia ultima ad entrare in campo. In questo caso è stato fatto il contrario, e Wayne è entrato con il suo partner per ultimo, e questo non può essere permesso. Inoltre, durante il secondo set, ogni volta che giocava una partita, l’altoparlante suonava la musica e iniziava a urlare e ballare intorno al campo. Anche se sei negli Stati Uniti, a loro piace lo spettacolo … per me è un disprezzo per lo sport. Insomma, tutto questo accumulo di cose ne fa arrivare altre, e ora sembra che il giocatore si lamenti di tutto, ma si lamenti di certe cose.

P. Tu e Arturo, come le migliori coppie, vi siete già iscritti al primo torneo FIP a Doha. Hai l’esclusività con il World Padel Tour fino al 2023… Com’è questo problema?

R. Giocheremo a Doha perché è la prima volta che il giocatore sarà sotto la protezione di un’associazione e di una Federazione Internazionale, cosa che non è mai accaduta prima. Abbiamo finito di costituire la Players Association alla fine del 2021, perché ci si poteva dire ‘beh, perché non si sono lamentati prima dell’esclusività del World Padel Tour’. Beh, in primo luogo, perché non eravamo tutti insieme, e ora lo siamo. E, in secondo luogo, siamo sotto la protezione della Federazione, e ora i nostri diritti sono riconosciuti. Sarebbe stato impossibile farlo prima. L’esclusività sotto la protezione della Federazione Internazionale Padel e delle leggi dello sport mondiale non esiste. Adempiremo al nostro contratto con World Padel Tour ciò che rimane, e giocheremo anche i campionati organizzati dalla FIP, che non è il Qatar, né il proprietario del PSG … Voglio chiarire che è la Federazione Internazionale, e che se fossi un altro organizzatore privato non credo che potremmo farlo.

Giocheremo anche i campionati organizzati dalla FIP, che non è il Qatar, né il proprietario del PSG… Voglio chiarire che è la Federazione Internazionale, e che se fossi un altro organizzatore privato non credo che potremmo farlo.

D. Vedendo la condensazione del calendario WPT, se aggiungi 10 tornei FIP… hai considerato la possibilità di rinunciare a certi tornei per non sovraccaricarti?

R. Eravamo chiari sul fatto che se volevamo raggiungere l’obiettivo di liberare il padel dal 2024 avremmo dovuto giocare molti campionati. E non voglio chiudere questa intervista senza ricordare la cosa più importante di tutte. In tutti questi anni, da quando sono un professionista, ho sentito molte persone dire che lavorano per il bene del padel come sport, e penso che dal 2024 vedremo l’intenzione e la maschera a tutte quelle persone. Quell’anno il circuito sarà sotto la protezione della FIP e della PPA, e tutti coloro che vogliono far crescere lo sport e fare grandi tornei secondo le regole che mettiamo sia la Federazione che i giocatori sono invitati. World Padel Tour, APT Tour, tutti coloro che vogliono… nessuno sarà lasciato fuori, purché vengano con l’intenzione di rendere grande il padel.

D. Cosa pensi che il World Padel Tour abbia fallito e poi abbia finito per “perderli”?

R. Non mi concentrerei su ciò che ha fatto di sbagliato, non mi concentrerei su quello, mi concentrerei sul fatto che le cose andranno molto bene d’ora in poi, uno sport non può avere un proprietario e deve avere la sua Federazione Internazionale Padel.

Ho incontrato Coello a Marbella 2020 e sono rimasto sorpreso di vederlo in una partita in cui, dopo ogni punto che ha fatto, ha detto ‘quanto sono bravo'”

D. C’è stata molta discrepanza tra i giocatori nel prendere questa decisione?

R. Guarda, una delle cose che mi rende più felice è che il giocatore si è reso conto, soprattutto i giovani, che i giocatori più sono uniti più hanno forza di quanto immagini. Sono felice, davvero, e sono state prese decisioni in cui sono apparsi diversi punti di vista, certo, ma sempre pensando al bene del padel. È la prima volta nella storia che vedo un’unione così grande e che anche i giocatori più emblematici stanno pensando al futuro di questo sport.

Semifinali Miami padel open world padel tour

D. Anche i giocatori in fondo alla classifica generalmente condividono questa visione?

R. Guarda, non avevo mai visto José Carlos Gaspar e Miguel Semmler lavorare, e dato che siamo nell’associazione posso assicurarvi che hanno lavorato molto e hanno difeso che i giocatori che vincono meno partite hanno una maggiore visibilità. Hanno fatto un lavoro spettacolare e ciò che hanno ottenuto è molto grande. Non ho dubbi che se lo sport continua a crescere, dobbiamo dargli tempo, che quelli che oggi sono tutti dubbi che ricorderemo tra cinque anni in un modo molto bello.

E voglio aggiungere una cosa, che parliamo sempre dei giocatori in alto e in basso… Sono molto felice perché so che a giocatori dell’Associazione come Paquito, Galán, Lebrón, Di Nenno o me sono stati offerti tra i 300 e i 500 mila euro in modo che la nostra decisione fosse per una parte o per l’altra. E nessuno di loro si lascia comprare, e questo mi rende molto felice.

José Carlos Gaspar e Miguel Semmler stanno facendo un ottimo lavoro e difendendo che i giocatori che vincono meno partite hanno una maggiore visibilità

D. E da dove vengono quelle somme di denaro?

R. Da diverse proposte e persone, hanno chiamato i giocatori e hanno detto loro ‘se venite qui, vi prendo questo, e se lo fate vi darò quello’. Il giocatore non si è lasciato comprare e questo è incredibile e lodevole, quella somma di denaro per il padel è una barbaria e che nessuno si è lasciato comprare mi dà più gioia che essere il numero 1, te lo dico davvero.

D. Qual è l’atmosfera all’interno del circuito in questo momento con questa situazione?

R. Dobbiamo essere molto professionali, giocare i tornei del World Padel Tour e dare la migliore immagine possibile combattendo ogni punto.

D. Quanto è importante che anche il circuito femminile sia sotto la protezione della FIP e accanto a quello maschile?

R. Penso che le ragazze abbiano la forza di prendere le decisioni che considerano. Non so come saranno organizzate o chi prenderà le decisioni, ma non ho dubbi che abbiano la capacità intellettuale e di immagine per prendere le decisioni che ritengono appropriate per il loro futuro. Se vengono con la FIP è perché lo hanno valutato, e se non lo fanno è perché avranno i loro argomenti, lì non posso ottenere di più.

Buon padel a tutti

by Mr Padel Paddle

Fonte: marca.com

articoli correlati:

Miami Padel Open: Trionfano Belasteguin e Coello

Díaz – Belasteguin: il segreto della coppia di maggior successo nel padel

Perchè leggere il libro della leggenda Belasteguin

I classici del Padel: 5 punti Top di Fernando Belasteguin

Articoli correlati

Majo Alayeto : Anche quest’anno al Top del padel mondiale

Mr Padel Paddle

Il Padel, la nuova vita di Roberta Vinci

Mr Padel Paddle

Sussarello: Con la Vinci al World Padel Tour !

Mr Padel Paddle