Padel Internazionale

Paquito Navarro: La Premier Padel è il futuro il WPT il passato

Paquito Navarro, intervistato dal quotidiano sportivo Olé, difende la creazione di Premier Padel, esclude un rinnovo con World Padel Tour e ribadisce che rispetteranno i loro contratti fino a dicembre 2023

Conciso e senza peli sulla lingua. Paquito Navarro (33 anni, a Siviglia) non sfugge ai microfoni e, come se fosse un’arringa , chiede di andare subito al dunque. “Senza mezzi termini, andiamo al sodo“, esclama, mentre l’intervistatore inizia a fare il suo lavoro. Lo spagnolo, recente campione del Vigo Open, è uno dei riferimenti che per primo ha alzato la voce per chiedere miglioramenti.

Quelle prime dichiarazioni di protesta (a cui sono state aggiunte voci come quelle di Belasteguín o Galán, tra gli altri) erano relativamente “terrene”: premi più alti, più trasmissioni e meno concentrazione di tornei in Spagna.
Ma l’effetto domino è stato tale che chissà come andrà a finire. Almeno, alla realtà dobbiamo fare riferimento: il 95% delle coppie professionistiche è a Doha a giocare il Qatar Major 2022, il primo torneo del circuito Premier Padel.

– Dall’ultima intervista sono passati alcuni mesi ma tutto è stato rivoluzionato. Come spieghi questo cambiamento abissale?

Quello che è successo è che è apparso un nuovo attore con il quale i giocatori hanno sentito che potevamo avere un supporto economico e legale per migliorare le nostre condizioni. Quell’attore è la FIP (International Padel Federation) più la QSI (Qatar Sports Investments). Ci hanno fatto una proposta per far crescere il padel, ci è piaciuta e abbiamo tirato avanti. Questo è quello che è successo anche se è così spiegato sembra molto facile…

– Praticamente tutti sono in competizione a Doha. Come sono arrivati a questo livello di aderenza?

Se il 95% dei giocatori è qui è perché c’è unione. Per la prima volta nella storia del padel, dal numero uno al numero duecento siamo praticamente andati tutti di pari passo. Il circuito Premier migliorerà le condizioni di tutti i giocatori: quelli del Cuadro, quelli della previa, quelli della pre previa, ecc. L’unica chiave è l’unione. Senza di essa, non avremmo ottenuto alcun miglioramento.

– Come ti sei sentito dopo la richiesta del World Padel Tour che ha rivendicato 25.000.000 di euro?

Non mi sono mai piaciuti gli uffici di mediazione ma vi dico anche che capisco tutte le parti. Tutti combattono per ciò che pensano sia loro e cercano di portare “l’acqua al proprio mulino”. Ti dico anche che è difficile guardare con favore a qualcuno che ti chiede 25.000.000 di euro. Penso che dovrebbe essere risolto in un altro modo: tutti gli attori seduti a un tavolo e negoziando un’uscita pulita per il bene della padel.

– L’avete presa come una “minaccia” per rinunciare alla Premier Padel o come una reazione addirittura prevista?

Rispondo così: il World Padel Tour ha il diritto di rivendicare ciò che crede sia suo. E qui sta la differenza: crediamo che questo non sia di nessuno, che sia gratuito. “No, ma hai firmato una cosa del genere”, dicono. Bene, vediamo in quali condizioni abbiamo firmato, se ciò che abbiamo firmato davvero dobbiamo rispettare, quali clausole sì, quali clausole no. Non vorrei arrivare alla sentenza di un Giudice, ma se necessario aspetteremo di vedere cosa deciderà.

– Hai pensato di non presentarti al Vigo Open?

Questa alternativa non è stata valutata perché rispettiamo molto il pubblico. Crediamo che gli ultimi che devono essere danneggiati siano quei tifosi che hanno pagato il biglietto per andare a vederci. Non andare a giocare non fa alcun favore a nessuno. Ti dico anche che non so cosa finirà con il World Padel Tour se la loro richiesta continuerà e il rapporto si deteriorerà molto. La nostra intenzione è quella di adempiere agli obblighi e andare a tutti i tornei ma mai dire mai.

– Il contratto con World Padel Tour termina il 31 dicembre 2023. C’è qualche possibilità che prendano in considerazione il rinnovo?

Fino ad oggi, nessuno. Quello che il World Padel Tour ci ha offerto prima di tutto questo salto non ci ha convinto perché credevamo di meritare molto di più e oggi siamo con chi crede davvero ai giocatori. Siamo aperti a tutti coloro che aderiscono a questo progetto. Non chiudiamo la porta a nessuno: né alla FIP, né al World Padel Tour, né a Pepito Gómez. Ma le condizioni sono cambiate e non saranno più come prima: il futuro del padel lo faremo senza che questo sia di nuovo un monopolio.

– A Doha si parla molto dei 525.000 euro che Premier Padel mette in premi per il Major. Quanto era lontano il World Padel Tour dall’abbinare quella proposta?

Bene, come ti ho detto: niente peli sulla lingua. World Padel Tour era vicino alla proposta della FIP – QSI. Ha anche offerto un po ‘più economicamente, ma è stato tutto dopo che abbiamo firmato con il nuovo circuito. Inizialmente l’offerta di rinnovo del World Padel Tour prevedeva il miglioramento dei premi del 10% o del 20%, che era lontano da quello che ci aspettavamo. Solo quando hanno scoperto che avevamo un accordo con la FIP – QSI, lì hanno sollevato una nuova offerta che curiosamente era la stessa di quella che ci avevano fatto dal nuovo circuito. Se come gruppo di giocatori non fossimo alla ricerca di un’altra alternativa, il World Padel Tour non sarebbe mai stato interessato a migliorare le nostre condizioni. Di questo non ho prove ma nemmeno dubbi.

– Qual è lo scenario ideale per il futuro?

È quello di giocare sotto un’entità senza scopo di lucro, come la Federazione Internazionale di Padel, e dove ci sono diversi attori: aziende, fondi di investimento, individui, organizzazioni, ecc. Credo che ci dovrebbe essere un Consiglio generale di padel che dovrebbe essere istituito dai giocatori, dai promotori e dalla FIP. Questo sarebbe il mio modello ideale e spero che possa essere fattibile.

– Le categorie maschile e femminile dovrebbero andare allo stesso modo?

Penso che sia legato a ciò a cui ho risposto prima: organizzatori, giocatori e promotori mano nella mano. In questo caso, credo che anche gli uomini e le donne insieme siano migliori.

– Oggi sei nel World Padel Tour e inizi un nuovo percorso nel Premier Padel. Chiuderai le porte per giocare uno o più test in un circuito diverso?

È molto difficile a causa del calendario poiché abbiamo 34 date: 24 nel World Padel Tour e 10 nel Premier Padel. Alla fine, il fisico dà quello che dà. Ma qui, come vi ho detto prima, le porte non sono chiuse a nessuno. Io, in questo momento e in questo luogo, ti dico che non considero di aggiungere altri tornei al mio calendario perché ho 33 anni e sono abbastanza con quello che dovrei giocare, ma aggiungo anche che non l’ho assolutamente escluso.

Fonte. Olé

Buon Padel a tutti

by Mr Padel Paddle

articoli correlati :

Quarti Premier Padel: Bela Coello sfidano Galan Lebron

Paquito Navarro : Il mio sogno? Le Olimpiadi

I colpi Top di Paquito Navarro nel World Padel Tour 2020

Premier Padel Doha: Orari e dove vederlo

Premier Padel: Sinicropi e Cattaneo entrano in Cuadro

Previa Premier Padel: Passano 2 coppie azzurre

Tutta la Premier Padel su SKY Sport in Italia

Articoli correlati

Cupra Fip Finals: Ai nastri di partenza !

Mr Padel Paddle

Le nuove numero 1 del Padel mondiale

Mr Padel Paddle

Marbella Master WPT: Da oggi pre qualificazioni con Cremona – Cassetta

Mr Padel Paddle