Top Interviste

Julieta Bidahorria: La pantera del Padel

Julieta Bidahorria, argentina, 30 anni nata a Jesùs Maria il 12 dicembre del 1991 e n.39 del ranking WPT, è una delle giocatrici di Padel più grintose, su cui ci sono molti occhi puntati anche se non più giovanissima ….

Ha partecipato ai mondiali in Qatar con la nazionale argentina classificandosi al secondo posto.
La Pantera, come tutti la conoscono, ha terminato la passata stagione in crescendo, insieme alla spagnola Lucía Martínez.

L’ obiettivo di Julieta Bidahorria per quest’anno è scalare posizioni importanti in classifica ed ha tutte le carte in regola per provarci.
Dopo vari cambi di coppia, dalle prossime partite del World Padel Tour giocherà insieme a Claudia Fernández Sánchez, spagnola, classe 2006 una sedicenne promessa, ma neanche tanto per via già dei suoi eccellenti risultati, del Padel.

Julieta ha dei grandi fan a Roma che le sono molto affezionati, è infatti supportata dagli amici Alessia e Luigi del Villa Pamphili Padel Club, di cui porta il logo sulla canotta di gioco.

Quando hai iniziato a giocare a padel?
Fin da piccolo quando avevo 7 anni e poi ho giocato a tennis professionistico e sono tornato al paddle tennis

Cos’è che ami di più del padel?
Viaggiare, condivisione e imparare sempre di più.

A che età sei diventata un’atleta professionistica?
A 25 anni

La partita indimenticabile?
Il mio primo Mondiale in Paraguay nel 2018 (match contro le gemelle all’Open e poi contro Alejandra Salazar e Patty.

Di ogni compagna che hai avuto qual’è lo skill che più ti ha impressionato?
Compagnia, amicizia, ottemperanza

Se dovessi allenare una coppia maschile e femminile chi sceglieresti?
Chingoto- Tello e  Brea- Icardo

Il tuo maggior rammarico?
Lasciare la mia famiglia per venire in Spagna, sarebbe bello fare un master a Buenos Aires, giocare li permetterebbe ai nostri cari di vederci, dato che è difficile per loro seguirci nelle altre tappe.

Se dovessi tracciare un bilancio del 2021, ti ritieni soddisfatta o potevi fare di più?
Soddisfatta

Quali sono le aspettative che hai per questa stagione?
Continuare a rafforzarmi e riuscire a continuare a salire in classifica

Il tuo maggior pregio e il tuo peggior difetto?
Costanza e impazienza grave difetto

Quale è il tuo colpo preferito e quello su cui devi migliorare?
Smash e migliorare con la vibora

Con quale racchetta giocherai e quali sono le sue caratteristiche che apprezzi di più?
Bullpadel Vertex 03 W, una racchetta di grande potenza ed amo la sua forma a diamante

Nel tuo tempo libero quali sono i tuoi hobby preferiti?
Ascoltare la musica, stare a casa e andare in bicicletta.

Cosa ne pensi del movimento in Italia e dello sviluppo del padel nel mondo?
Che è uno sport che è cresciuto molto e ha molte proiezioni

Qual’è il tuo sogno nel cassetto?
Essere tra i primi dieci

by Mr Padel Paddle

in collaborazione con Corriere dello Sport

articoli correlati:

Gemma Triay: l’intervista alla Regina del Padel

Articoli correlati

Rafael Mendez Ruiz: Sarà l’anno del riscatto

Mr Padel Paddle

Aranzazu Osoro: La Vichinga del Padel

Mr Padel Paddle

Agustin Tapia, il predestinato!

Mr Padel Paddle