Top Interviste

Agustin Tapia: il Mozart di Catamarca

Un’ascesa senza limiti. Agustin Tapia, argentino nato il 24 luglio a Catamarca, classe 1999, è senza dubbio uno dei giocatori di punta degli ultimi 3 anni del circuito mondiale.

A solo 21 anni, ha vinto nel 2020 in coppia con Fernando Belasteguin l’Estrella Damm Menorca Master Final 2020 il torneo conclusivo e più importante del circuito, dove partecipano le 8 coppie più forti del ranking mondiale,  dove è stato anche finalista nel 2021.

La sua progressione è stata impressionante: ben 53 posizioni scalate nel ranking assoluto in poco più di 2 anni; dal 58esimo posto all’attuale n.5 della classifica World Padel Tour.

VOTA MR PADEL PADDLE BLOG DELL'ANNO

Agustin Tapia detto il Mozart del padel gioca in coppia con “el Mago de San Luis” l’esperto Carlos Gutiérrez – per tutti Sanyo – con cui punta decisamente alla vittoria; nelle prime 7 tappe dell’attuale stagione, la coppia ha già vinto 2 Open e disputato, inclusa l’ultima di questi giorni al Master di Marbella, ben 5 semifinali.

Al suo attivo nel WPT, ha disputato 168 partite, con una percentuale di vittorie (115) pari al 69%.

A quale età hai iniziato a giocare a padel?

A 9 anni ho fatto il mio primo torneo con mio nonno.

Cosa ami del padel?

Mi piace perché è uno sport che ti trascina. Inoltre mi ha dato molto e mi ha permesso di conoscere persone e di girare il mondo.

Quando sei diventato professionista?

Ho esordito nel 2016 in Argentina e poi mi sono trasferito in Spagna.

Quanto è stato importante per la tua crescita professionale giocare prima con Juan Martin Diaz e poi con Fernando Belasteguin?

È stato un privilegio giocare con due che hanno fatto la storia di questo sport, mi è servito molto per crescere e imparare sia dentro che fuori il campo.

La partita indimenticabile?

Senza dubbio la finale del Master 2020 a Menorca.

Di tutti compagni che hai avuto ci racconti cosa ti ha colpito di più di ognuno di loro?

Di Juan Martin il modo di giocare ed i suoi colpi; di Bela il modo di pensare; da Pablo Lima, la sua grinta ed ora con Sanyo, beh…è incredibile averlo vicino.

Se dovessi allenare una coppia?

Beh, non saprei, al momento non mi vedo a fare l’allenatore.

Un bilancio della passata stagione?

Si poteva fare di più nel 2021 e senza dover cambiar compagno, ma alla fine con il master ho recuperato la stagione in un anno per me molto complicato.

Colpo preferito e dove migliorare?

Lo smash e la volèe di dritto. Mentre devo perfezionare sia il dritto che  il rovescio da fondo campo.

Con quale racchetta giochi e cosa ti piace?

Gioco con la NOX AT10 Luxury Genius. Adoro la sua forma, il colore, la verniciatura e la sabbiatura che mi aiuta molto con lo smash.

Il tuo hobby preferito?

Giocare alla playstation.

Com’è il tuo rapporto con l’Italia?

Nutro un affetto speciale per il vostro paese che sta facendo passi da gigante e sono molto grato ai fan italiani che mi mandano tantissimi messaggi di incoraggiamento.

Sogno del cassetto?

Essere il numero 1.

Buon padel a tutti

by Mr Padel Paddle

fonte: Corriere dello sport

articoli correlati:

Agustin Tapia e Gutierrez campioni di Danimarca! | Mr Padel Paddle

Articoli correlati

Marchetti: Un anno incredibile di Padel

Mr Padel Paddle

Delfina Brea: il sogno è la Top 4

Mr Padel Paddle

Miguelito Lamperti, El Genio del Pelo Blanco

Mr Padel Paddle