Padel Internazionale

Arturo Coello: Massima concentrazione fino a fine stagione

Con i suoi 21 anni Arturo Coello (Valladolid, Spagna, 2002) è il più giovane numero nel trono del padel mondiale dopo l’aggiornamento della classifica FIP e Premier Padel che si aggiunge a quella del World Padel Tour.

Un Arturo Coello più maturo, più fatto, dentro e fuori dalla pista. Ancora in pieno sviluppo perché, come lui stesso sa di essere ancora “un bambino”, affronta una vita completamente diversa che è cambiata in soli due anni e che lo costringe a confrontarsi con media, brand o fan in un modo che forse non avrebbe mai immaginato.
E, anche così, assume tutto con una professionalità insolita per la sua giovane età e quella sorprendente normalità che trasferisce le cose come sono, senza sovradimensionarle.

Questo emerge dall’intervista che gli fa  Mundo Deportivo durante un evento di uno dei suoi nuovi sponsor, TQ Alternative Investment.

Sei diventato il primo giocatore a ottenerne uno in WPT e Premier. Come si vive la vita di un numero uno?

Orgoglioso e grato per il partner che ho, la famiglia che ho e tutte le persone dietro per raggiungerlo. Anche se la classifica riflette che sono solo, siamo entrambi i numeri uno.

Nove mesi dopo l’inizio della stagione, e guardando indietro, che equilibrio fai, come ti senti.

C’è stato un grande cambiamento e non sto parlando solo del gioco. Mi sento più maturo in pista, più un uomo dentro il ragazzo che sono. Risolviamo situazioni difficili, affrontiamo scenari molto importanti…, il team che abbiamo creato è molto in gamba.

Si parla molto del rapporto che tu e Agustín avete dentro e fuori dalla pista che, a quanto pare, ti rende impermeabile a tutto. L’amicizia è la chiave del successo?

Quando sei amico di una persona, la proteggi e condividi cose che nessun altro sa. Questo è ciò che io e Agustín abbiamo creato, che al di là di un compagno è un grande amico. Cerco di aiutarlo a uscire dal padel in tutto e anche lui a me. Se a questo aggiungi che facciamo buoni risultati, speriamo che questo progetto duri a lungo perché è molto bello.

Mesi fa vi abbiamo intervistato su Mundo Deportivo mettendovi a confronto con Bela e Dia…

Il percorso di Juan e Bela, insieme e separatamente, nel padel moderno è quasi impossibile da raggiungere, ma tutto può succedere. Sono due percorsi impeccabili di due atleti unici e dico questo perché mi ha toccato molto da vicino.
Solo il fatto che ci paragonino è un orgoglio e se riusciremo mai a superarli, cosa che penso sia impossibile, ne sarò felice.

Con 21 anni sei il giocatore più giovane a raggiungere il numero uno, molto vicino a Fernando Belasteguín che lo ha raggiunto con 22, com’è la vita dall’alto

Bene, con più trambusto e meno tempo per essere a casa. È una responsabilità molto bella, ma benedetta, come dice Alejandra -Salazar-. È un sogno, qualcosa di molto bello e in un modo molto prematuro che mi dà tranquillità di sapere che ho molto da migliorare e che non sognavo di avere ora.

Qualche giorno fa è stato pubblicato come si formerà la classifica della FIP e quindi del Premier Padel del prossimo anno e per i tornei che segnano, nonostante il tuo ottimo anno in WPT, non puoi lasciarne uno. Ti senti ferito?

Questo è stato un anno transitorio e una decisione doveva essere presa con la classifica e abbiamo cercato di farlo nel modo più obiettivo possibile.
Agus non ha potuto giocare diversi tornei Premier l’anno scorso e questo fa male a lui individualmente e a noi come coppia, ovviamente. Ma non siamo preoccupati per il prossimo anno.

Ma sarebbe strano che voi non fosse la prima coppia dopo il vostro 2023 …

Non mi piace guardare queste cose, davvero. E, per di più, condivido l’opinione di Juan -Lebrón- in cui ha detto che se vinci tutte le partite e i tornei sarai il numero uno. Ho amato quella riflessione ed è quella che applico.

Al momento ne avete quattro su cinque e tutti consecutivi.

Gli ultimi sono andati molto bene. Il primo dell’anno, a Doha, siamo caduti contro Franco e Martin che hanno fatto molto bene e ora che sappiamo come è fatta la classifica dobbiamo mettere più enfasi sui restanti Premier.

Quale torneo segni fino alla fine della stagione come particolarmente importante per il numero uno. Il Master di Buenos Aires, il Major del Messico, il Master Finals di Barcellona…

Il Major del Messico sarà sicuramente molto importante nel resto del calendario per la configurazione del prossimo anno, anche ora il Master di Madrid …, dobbiamo essere molto concentrati fisicamente e mentalmente per il resto della stagione.

Fonte: Mundo deportivo – articolo di Alberto Bote

Buon Padel a tutti

articoli correlati:

Arturo Coello e Agustin Tapia calano il poker al Paris Major

Articoli correlati

Cascais Open 2022: Orari e dove vedere il WPT

Mr Padel Paddle

Assemblea generale FIP: Sempre più Federazioni nazionali iscritte

Mr Padel Paddle

Al Khelaifi a Roma all’Orange Padel Club

Mr Padel Paddle
Mr Padel Paddle