Top Interviste

Carlos Cabeza: Lo Yoga mi aiuta anche nel padel

Nato a Malaga il 27 giugno del 1996, Carlos Cabeza è un giocatore che fa della disciplina e della perseveranza i suoi cavalli di battaglia.

Nel 2024 tornerà a giocare definitivamente a sinistra, posizione che privilegia in campo e che gli permetterà, a detta di molti tra gli addetti ai lavori, di scalare numerose posizioni in classifica.

Si è appassionato di yoga, quando ha capito che gli avrebbe permesso di concentrarsi maggiormente anche in campo. Dopo una breve esperienza nel WPT,  ha deciso di dedicarsi totalmente ai circuiti FIP e Premier Padel. Attualmente ricopre la posizione n. 90 in classifica.

Come hai iniziato?

A Malaga, grazie ai miei genitori, che mi hanno spinto e incoraggiato a fare sport. A 8 anni ho scoperto il padel e da allora la mia vita è cambiata. Il padel ha avuto un ruolo formativo fondamentale nella mia vita, insegnandomi la costanza e un grande spirito di sacrificio.

E poi?

Ho iniziato la mia carriera a 12 anni nei tornei regionali e poi nel circuito nazionale spagnolo, avendo la fortuna di aver avuto come compagni del calibro di Gaspar, Benitez, Gonzales e Galan. Alejandro che oltre ad essere un mio amico e grande campione, è stato un forte stimolo per me per impegnarmi e crederci sempre.

Perché venire a vivere a Milano?

E’ stato quasi un colpo di fulmine, mi sono sentito subito a casa. Qui a Milano ho trovato una seconda famiglia, apprezzo la simpatia e la disponibilità delle persone, la vivacità della vita milanese e la facilità con tanti aeroporti di poter andare a giocare in qualsiasi posto nel mondo.

Parlaci della tua alimentazione?

E’ la vera benzina nel motore della mia vita di atleta. Ovviamente è tutto ben bilanciato tra macro e micro nutrienti e anche l’idratazione gioca un ruolo fondamentale. Purtroppo devo evitare i dolci, che sono il mio punto debole, però tutti i sacrifici sono ben ricompensati.

Obiettivi del prossimo anno? 

Innanzitutto voglio tornare a giocare a sinistra, è molto più stimolante e mi permette di sfruttare meglio le mie caratteristiche di gioco, mentre agonisticamente parlando, sono ancora giovane e le mie aspettative sono quelle di crescere molto nel ranking FIP.

Giochi con una Dunlop e sappiamo che la tua scelta è stata generata da un aneddoto, quale?

Quando avevo 12 anni mio cugino mi ha fatto provare una loro racchetta e con quella ho vinto un campionato regionale in Andalusia, per me è stato un segno e mi sono ripromesso che avrei continuato a giocare con loro e così è stato. Non si tratta solo di uno sponsor, ma molto di più, sono sempre stati al mio fianco, anche nei momenti più difficili e di maggiore vulnerabilità.

 

Buon padel a tutti

Fonte: Marco Oddino – Corriere dello sport

articoli correlati:

Top Interviste | Mr Padel Paddle

 

Articoli correlati

Eli Amatriain: Il padel il mio grande amore!

Mr Padel Paddle

Delfina Brea: Il Padel come stile di vita

Mr Padel Paddle

Rodri Ovide il coach delle stelle del Padel

Mr Padel Paddle
Mr Padel Paddle