Top Interviste

Delfina Brea: Il Padel come stile di vita

Nata a Buenos Aires il 5 dicembre del 1999 e n.18 del ranking, Delfi Brea è stata “scelta” dalla talentuosa Beatriz González (n.5) per continuare la stagione, dopo che Bea, ha deciso di separarsi poche settimane fa da Martita Ortega.

Un’altra nuova coppia con alte potenzialità che promette di arrivare tra le top prima del master finale.

L’argentina Delfina Brea ha una percentuale di vittorie del 63% con 154 vittorie su 243 partite giocate al World Padel Tour e la sua ascesa in così poco tempo, è dovuta anche ad una presenza importante in famiglia. Delfi, così è chiamata da tutti, è infatti la figlia del noto coach Nito Brea, che ha anche allenato in passato la nazionale argentina.

Che aspettative hai con la tua nuova compagna?

Con Bea González abbiamo grandi aspettative, vogliamo arrivare e rimanere tra le prime 3 coppie e poi vincere qualche torneo per avvicinarci ulteriormente al vertice della classifica.

Cosa ne pensi di così tanti circuiti? Una opportunità ma anche tanti sacrifici.

È faticoso come ogni lavoro impegnativo, nel nostro caso è una passione ed uno stile di vita che abbiamo scelto e siamo anche fortunate nel poter girare il mondo.

Su quale giovane promessa punteresti se fossi un coach?

Alejandra Alonso, ha un grande futuro.

Indoor o outdoor?

Al coperto, il padel è più bello da giocare, all’aperto è complesso con il sole e il vento che disturbano.

Indoor o outdoor?

Al coperto, il padel è più bello da giocare, all’aperto è complesso con il sole e il vento che disturbano.

Top 3 nella storia del padel maschile e femminile?

Fernando Belasteguin, Juan Martin Diaz e Sanyo Gutierrez, mentre nelle donne Alejandra Salazar, Marta Marrero e le gemelle Alayeto.

Ci parli del tuo allenatore?

Si chiama Jorge Martinez, apprezzo molto la vicinanza e l’impegno con cui mi allena, è gentile ma esigente ed è una persona che sa fare squadra.

Nei vostri allenamenti ci sono sessioni in cui riguardate le partite di vostri avversari?

Sì, è molto utile guardare gli schemi delle coppie contro cui ci confronteremo, è fondamentale per la preparazione di una partita.

Se potessi “rubare” un colpo a un giocatrice?

Ruberei un colpo vincente alla mia compagna Bea (ride).

Tre consigli per un giocatore amatoriale?

Non demordere mai, il padel sembra facile ma non è così per alcuni aspetti; il secondo è di trovare un club dove divertirsi con gli amici ed allenarsi con un bravo maestro e soprattutto “staccare” quando si gioca e non pensare a niente…no stress!

Se non avessi giocato a padel?

Mi sarebbe piaciuto il settore dell’ingegneria elettronica.

Che racchetta usi e quali sono i tuoi sponsor?

Gioco con la Bullpadel Vertex Woman e i miei sponsor sono sempre Bullpadel per l’abbigliamento e le scarpe, Cupra, NTT Data e Rios Renovables.

 

Fonte: Marco Oddino – Corriere dello sport

articoli correlati:

Top Interviste | Mr Padel Paddle

 

Articoli correlati

Bea Gonzalez : con Marta per un 2022 di fuoco!

Mr Padel Paddle

Gemma Triay: La regina del padel mondiale

Mr Padel Paddle

Andres Britos: La mia scommessa nell’APT Padel Tour

Mr Padel Paddle
Mr Padel Paddle