Top Interviste

Denny Cattaneo: Con Lorenzo per scalare il ranking

Denny Cattaneo padel

Nato a Vimercate il 10 settembre 1989, Daniele Cattaneo, per tutti “Denny” è uno dei pilastri del padel italiano.

Attuale n.3 in Italia ed ex n.1, è stato 4 volte campione italiano; Denny Cattaneo veste la maglia della nazionale italiana da ben 7 anni, con cui ha vinto un titolo europeo a Roma nel 2019 e raggiunto lo “storico” quinto posto ai mondiali di Doha nel 2021.

Quest’anno le sue ambizioni, in coppia con il forte Lorenzo Di Giovanni sono molto alte. Conosciamolo meglio.

Come nasce la tua passione per il padel?

Ho iniziato a giocare per caso in Spagna durante una vacanza ed è stato subito amore a prima vista; la cosa che mi ha colpito maggiormente è stato il divertimento durante tutta la partita.

Quando sei diventato professionista?

Nel 2015 ho iniziato ad allenarmi come professionista, trasferendomi a Madrid per allenarmi con Leo Padovani, coach di Juan Martin Diaz, Cristian Gutierrez e Ramiro Moyano.
Lì ho avuto la possibilità di “assaporare” per la prima volta il “vero” padel, potendo imparare dai migliori.

Le due partite indimenticabili di Denny Cattaneo?

La prima sicuramente il quinto posto al Mondiale di Doha nel 2021 indossando la maglia della nazionale italiana, chiudendo il punto decisivo in un mach importante che mi ha regalato un’ emozione unica.
La seconda partita…quando ci ripenso ho ancora i brividi, è stata quella giocata lo scorso dicembre al Premier Padel di Milano, è stata una emozione unica, gli spalti dell’Allianz Cloud erano pieni di gente che ci sosteneva.

Ci parli dei tuo compagni?

In questi anni ho cambiato diversi compagni, Riccardo Sinicropi, Simone Cremona e Michele Bruno. Di Riccardo mi ha colpito il suo talento, ha dei grandissimi colpi. Di Simone la sua grande solidità e che non da mai per perso ogni un punto. Di Michele mi ha da sempre colpito la sua volée di rovescio e lo smash che è davvero molto potente.

Se ti dovessi far allenare da un coach internazionale?

Sicuramente sceglierei Gustavo Pratto, professionista molto preparato e diretto, riesce sempre a tirare fuori il meglio dai suoi giocatori; quando ho la possibilità, vado ad allenarmi nella sua Academy a Valladolid.

Hai rimpianti?

L’unico è di non aver iniziato a giocare a padel prima.

Pregi e difetti?

Sono un perfezionista e questo è il mio pregio principale, perché mi stimola a lavorare per migliorarmi sempre di più, ma allo steso tempo, spesso si tramuta in un difetto perché non mi fa essere pienamente soddisfatto dei traguardi raggiunti.

Colpo preferito?

La vibora.

Cosa ti aspetti da questa stagione?

Per il 2023 mi auguro di divertirmi in campo con il mio nuovo compagno Lorenzo Di Giovanni e di riuscire a competere a livelli sempre più alti, lavorando sodo per migliorare il nostro ranking internazionale.

Ambizioni particolari?

Vorrei classificarmi tra i primo 80 giocatori del ranking e vestire la maglia Azzurra il più possibile.

Sogno nel cassetto?

Rappresentare l’Italia alle Olimpiadi!

articoli correlati by Mr Padel Paddle:

Fernando Belasteguin: Amo la competizione che si vive in campo

Andres Britos: La mia scomessa nell’APT Padel Tour

 

Articoli correlati

Alix Collombon: Obiettivo? scalare più posizioni possibili nel WPT

Mr Padel Paddle

Lorena Vano: La “malagueña” italiana

Mr Padel Paddle

Franco Stupaczuk: Il Padel tira fuori il meglio di me

Mr Padel Paddle
Mr Padel Paddle