Top Interviste

Federico Chingotto: Obiettivo tornare un Top 5

Federico Chingotto è attualmente n°10 al mondo del ranking WPT (n.8 della classica FIP) ed insieme al compagno Juan Tello, rappresenta una delle coppie più longeve e forti del circuito.

Argentino, nato il 13 aprile del 1997 a Buenos Aires, è l’esempio di come si può arrivare ad essere tra i migliori giocatori della classifica, pur non avendo un fisico “bestiale”.
Federico Chingotto ha una impressionante visione di gioco, grande tattica, energia da vendere ed una invidiabile difesa, sono gli ingredienti ideali che mette a disposizione della potenza esplosiva del suo compagno Juan, con cui fa coppia dal 2014.

Ha giocato nel World Padel Tour 283 partite con una percentuale di vittorie (188) pari al 67% ed in questa stagione ha raggiunto ben 5 semifinali.

Quando hai iniziato a giocare?

La mia passione è cominciata a 5 anni dato che tutta la mia famiglia lo praticava, andavo sempre nei campi a disturbare, poi a 16 anni sono diventato professionista.

Cosa hai apprezzato dei tuoi precedenti compagni?
Ognuno dei partner con cui ho giocato mi ha impressionato  molto, ma in particolare ce n’è stato uno che mi ha sorpreso più degli altri (indovinate chi è…) per la sua strategia in campo e lettura di gioco.

Se dovessi allenare una coppia maschile e femminile?
Sicuramente Di Nenno e Navarro perché mi piace particolarmente il loro gioco, mentre per le donne Brea e Icardo, che come già dimostrato in diverse occasioni, hanno un potenziale incredibile.

Sei soddisfatto del 2021?
Il 2021 era iniziato bene con 3 finali nei master e quel 4° posto in classifica che prometteva bene, poi purtroppo siamo scesi un po, ma nel complesso è stato un anno dove abbiamo fatto esperienza e siamo comunque migliorati.

Aspettative per il 2022?
Sono sempre alte perché sono convinto che possiamo vincere alcuni tornei, ma intanto pensiamo a raggiungere nuovamente quel 4° posto per poi giocarcela al master finale.

Pregi e difetti?
La mia maggiore virtù è nell’essere competitivo e perseverante, ma proprio la competizione può diventare un difetto, dato che mi porta ad essere nervoso e faccio fatica a gestire questo stato d’animo.

Colpo preferito e dove migliorare?
Decisamente la volèe di rovescio, mentre devo migliorare sullo smash.

Ci parli della tua racchetta?
Gioco con la Bullpadel Vertex 03, è una racchetta a forma di diamante e molto potente, perfetta per me sotto ogni aspetto e soprattutto quando ho bisogno di maggiore potenza in alcuni colpi.

Hobby?
Amo la pesca, mi rilassa molto.

Cosa ne pensi dell’Italia?
Sta crescendo a livelli incredibili ed anche i giocatori stanno migliorando molto, questo mi rende felice; ho la fortuna di giocare nella vostra serie B con il CC Aniene, una famiglia per me.

Il tuo sogno nel cassetto?
Diventare il n.1 e farò di tutto per raggiungere questo obiettivo.

 

Buon padel a tutti

by Mr Padel Paddle

articoli correlati:

Chingotto il difensore tattico del padel 

Juan Tello: Il 2022 sarà l’anno del riscatto

 

 

Articoli correlati

Il Padel, la nuova vita di Roberta Vinci

Mr Padel Paddle

Alba Galan. La Rockera del padel

Mr Padel Paddle

Lorenzo Di Giovanni: in Spagna per migliorare

Mr Padel Paddle
X