Top Interviste

Franco Stupaczuk: Sarà dura per tutti gli avversari

Franco Stupaczuk, per tutti “Stupa”, nasce in Argentina a Chaco il 25 marzo del 1996. Giocatore di sinistra, famoso per la sua potenza e per il suo colpo preferito, lo smash in sospensione, sin da giovanissimo è stato considerato uno delle star del World Padel Tour.

Franco Stupaczuk deve molto a Sany Gutierrez, con cui ha fatto coppia nel 2020, affiancare infatti uno dei giocatori di destra più forti della storia, gli ha permesso di velocizzare la sua crescita professionale, acquisendo allo stesso tempo regolarità e costanza, caratteristiche che lo hanno reso un giocatore più maturo ad affrontare tutte le partite.

Quest’anno fa coppia con il connazionale argentino Martin Di Nenno, con cui ha vinto i mondiali a squadre a Dubai ed in questo inizio della stagione, anche la prima tappa a Doha in Qatar del circuito Premier Padel.
Saranno sicuramente una delle coppie da battere.

Quali sono le tue aspettative per questa stagione?

Vogliamo competere in tutti i tornei del calendario a un livello molto alto, e vogliamo lottare per arrivare fino in fondo.

Cosa ne pensi di tutti questi circuiti che vi portano da una parte all’altra del mondo? Sicuramente è una bella opportunità, ma deve essere anche molto stancante. 

È  un calendario molto duro come del resto quello dello scorso anno, ma ciò fa parte del nostro lavoro e lo dobbiamo fare se vogliamo che il padel continui a crescere.

Su quali giovani punteresti come future star? 

Arnau, Cardona, Libaak e Augsburguer.

Preferisci giocare outdoor o indoor e perché? 

Preferisco l’indoor, dove controllo di più i colpi di precisione come ad esempio il tiro sulla grata o lo smash in sospensione. Giocare in outdoor in genere premia solo i giocatori molto alti e i colpitori.

Quali sono secondo te i tre giocatori migliori nella storia del padel nella categoria maschile e femminile? 

Bela, Lima e Alejandra Salazar.

Chi è il tuo coach?

Carlos Pozzoni. Quello che apprezzo di lui è come riesce a leggere il gioco dalla panchina.

Nei vostri allenamenti sono previste anche lezioni in cui si studiano gli aspetti tecnici e tattici visionando le vostre precedenti partite o quelle dei vostri avversari?  

No, questo lo facciamo solo ai tornei prima di ogni partita.

Se potessi “rubare” un colpo ad un giocatore? 

Mi prenderei il pallonetto di Pablo Lima, dato che è un colpo fondamentale.

Che consigli daresti ad un giocatore amatoriale che vuole migliorare il suo livello? 

Concentrarsi soprattutto nel mandare la palla all’altra parte del campo e non avventurarsi in tiri che non sono necessari.

Se non fossi un giocatore professionista quale lavoro ti piacerebbe fare? 

Farei qualche altro sport, tipo il calcio.

Cosa manca secondo te per far diffondere questo sport nel mondo anglosassone e asiatico? 

Bisognerebbe fare più informazione sulla gente, al momento ci sono ancora pochi praticanti in queste aree geografiche, ma soprattutto è necessario coinvolgere i bambini delle scuole per dargli l’opportunità di conoscere e divertirsi con questo fantastico sport.

Che racchetta usi e quali sono i tuoi sponsor?

Vesto Siux e gioco con la Siux Electra ST2, mentre per le scarpe ho un accordo con Munich.

Sogno nel cassetto? 

Mantenere la mente lucida e sullo stesso piano, sia nella sconfitta che nella vittoria.

Buon padel a tutti

fonti: articolo Marco Oddino – Corriere dello Sport

articoli correlati by Mr Padel Paddle:

Fernando Belasteguin: Amo la competizione che si vive in campo

Andres Britos: La mia scomessa nell’APT Padel Tour

 

Articoli correlati

Miguel Lamperti: Una icona del padel

Mr Padel Paddle

Ale Galan: Imparo dal passato per migliorare

gestore

Andres Britos: La mia scommessa nell’APT Padel Tour

Mr Padel Paddle
Mr Padel Paddle