Top Interviste

Gemma Triay: La regina del padel mondiale

Nata il 28 giugno a Mahon, nell’isola spagnola di Minorca, Gemma Triay è una delle regine indiscusse del padel mondiale.

Al suo attivo vanta 386 partite nel WPT con una percentuale di vittorie pari al 76%.
Attuale n.3 del ranking mondiale ma prima nella Race 2023, la spagnola gioca insieme alla fuoriclasse ed inseparabile compagna Alejandra Salazar, con cui punta a vincere insieme per la terza volta consecutiva il World Padel Tour (vinto nel 2021 e 2022 insieme ma per Gemma sarebbe la quarta volta perchè lo vinse nel 2020 con la compagna Lucia Sainz).
Gioca attualmente nel campionato di serie A con il Padel Team Canottieri Aniene.

Quali sono le vostre aspettative per questa stagione?

Come sempre molte alte e  naturalmente ogni giorno lavoriamo con Ale per migliorarci ulteriormente. Ho anche inserito qualche nuovo colpo nel mio repertorio, come ad esempio l’uscita di parete dall’alto verso il basso per essere ancora più versatile e imprevedibile.

Cosa ne pensi di così tanti circuiti?

Ho sempre pensato che i livelli di competizione si alzino in continuazione e che nei tornei sia la stessa cosa. Il fatto che sia nato un circuito come il Premier Padel ha fatto sì che l’anno scorso noi donne avessimo pari premi nel WPT.
E’ vero che avremo un anno molto impegnativo dal punto di vista fisico e per la quantità di trasferte, ma sono convinta che ne varrà la pena. Amo quello che faccio, amo viaggiare e soprattutto la competizione.

Su quali giocatrici punteresti per il futuro?

Claudia Jensen, anche se non è più una novità. E poi Alejandra Alonso, Claudia Fernandez e Agueda Perez.

Indoor o outdoor?

Sicuramente indoor, è anche tutto più facile, oltretutto ci alleniamo sempre al chiuso.

Chi sono i tre migliori giocatori della storia del padel nelle due categorie?

Ovviamente Bela, poi Juan Martin Diaz e Lebron, mentre nelle donne Carolina Navarro, Salazar e la Montes.

Cosa apprezzi del tuo coach?

Con Rodrigo Ovide, abbiamo un grande feeling e possiamo parlare di tutto, oltre ad essere molto bravo sotto ogni aspetto tattico, tecnico e comunicativo.

Nei vostri allenamenti analizzate le vostre partite e quelle delle vostre avversarie?

Sì certo, entrambi e questo metodo è un punto di forza della squadra #TriaZar.

Se potessi “rubare” un colpo a un giocatore?

La “pegada” di Tapia è favolosa!

Tre consigli per un giocatore amatoriale per migliorare il suo livello? 

Non complicarsi la vita con giocate impossibili, metterci tanta grinta e provare a fare qualche colpo più difficile solo quando ti trovi in una posizione offensiva comoda.

Se non fossi stata un giocatrice di padel?

Mi sarebbe piaciuto lavorare nella moda.

Chi sono i tuoi sponsor tecnici?

Sono al 100% Bullpadel…dalla testa ai piedi. Gioco con la racchetta ELITE 2023 e indosso la bellissima linea “Gemma Triay Exclusive Collection” di cui ne sono entusiasta.

Fonte: Marco Oddino – Corriere dello sport

articoli correlati:

Top Interviste | Mr Padel Paddle

 

Articoli correlati

Giulio Graziotti: Orgoglioso di essere in nazionale

Mr Padel Paddle

Carolina Petrelli: Obiettivo 2023? Entrare nelle Top 50

Mr Padel Paddle

Agustin Silingo: La bestia del padel

Mr Padel Paddle
Mr Padel Paddle