Top Interviste

Lorenzo Di Giovanni: Padel, la mia seconda giovinezza

Nato a Chieti il 25 dicembre 1987, Lorenzo Di Giovanni ha trovato nel padel una seconda giovinezza agonistica

La cosa che colpisce di Lorenzo Di Giovanni è il suo talento naturale e la crescita che sta avendo negli anni, giocando per altro a padel relativamente da poco tempo.

Ex coach delle famose tenniste Roberta Vinci e Francesca Schiavone, l’abruzzese è stato n.1 in Italia nel 2021 e vice campione nel 2019 e 2022.
Gioca in nazionale dal 2021, con una medaglia d’argento agli Europei di Marbella ed un quinto posto ai Mondiali Doha.

Come è nata la passione per il padel e cosa ti è piaciuto di questo sport?

Nel 2018, dopo il ritiro di Roberta Vinci, facemmo una partita a Roma e da quel momento mi sono innamorato una partita dopo l’altra.
Una delle cose che mi ha stregato di questo sport è che si potesse giocare al volo e la soddisfazione che ho avuto quando con un X3 sono riuscito a far uscire per la prima volta la palla con uno smash dalla gabbia è stata incredibile. Dal 2021 sono professionista.

Le due partite indimenticabili?

Una è sicuramente quella agli europei di Marbella nel 2021, entrando in campo con il mio ex compagno Riccardo Sinicropi, avevamo la responsabilità di portare a casa il match contro la Svezia nella semifinale. Altra partita indimenticabile, la vittoria in semifinale ai campionati italiani a Roma, affiancato da Tamame, contro Capitani e Perino.

Ci parli dei tuoi compagni?

Ammiro l’estro, il talento ed il dritto pazzesco di Riccardo Sinicropi, la difesa impeccabile di “Bubu” Agustin Salandro e la facilità che ha nell’eseguire il X4 da qualsiasi posizione.
Del mio compagno Cattaneo sicuramente la tecnica, la sua vibora, l’ordine che ha in campo e la pulizia che ha in ogni suo colpo.

Se dovessi scegliere un coach internazionale?

Ho già iniziato a farmi allenare da Gustavo Pratto nella sua accademia a Valladolid con cadenza mensile, lmi piace molto, insiste tanto sulla tattica ed è sempre molto chiaro nei concetti.

Se dovessi allenare una coppia del WPT?

Purtroppo è una coppia che si è divisa come sapete, ma se ne avessi la possibilità allenerei Paquito e Di Nenno.

Pregi e difetti?

Uno dei miei pregi è quello di essere un buon compagno a livello psicologico, perché in questo sport bisogna comprendere sempre di essere in due in campo per poter fare la differenza. Il mio difetto è quello di essere un perfezionista nella tecnica, invece di essere più concreto.

Colpo preferito e dove migliorare? 

Il colpo che mi da più soddisfazione è lo smash e ciò su cui devo migliorare è la difesa e la gestione del punto da dietro.

Aspettative per il 2023?

Ho iniziato un progetto insieme a Cattaneo in cui credo molto e mi auguro di entrare tra i primi 100 del ranking.

Ambizioni?

Non essendo più giovanissimo, ma con la giusta motivazione ed allenandomi tutti i giorni è quella di provare ad entrare tra i primi 50 del mondo.

Sogno nel cassetto?

Il mio sogno nel cassetto è vestire la maglia azzurra alle Olimpiadi.

Fonte: Corriere dello sport

articoli correlati by Mr Padel Paddle:

Denny Cattaneo: Con Lorenzo Di Giovanni per scalare il ranking mondiale

 

Articoli correlati

Carlotta Casali: Il 2022 inizia alla grande!

Mr Padel Paddle

Rodri Ovide : Il coach dei Campioni di Padel

Mr Padel Paddle

Miguelito Lamperti, El Genio del Pelo Blanco

Mr Padel Paddle
Mr Padel Paddle