Top Interviste

Momo González il player dalle giocate pazze!

Spagnolo, nato il 21 febbraio 1997 a Antequera, Jerónimo González Luque – per tutti Momo González – è uno dei giocatori più eclettici e promettenti del circuito, vederlo giocare è uno vero spettacolo

Persona sempre sorridente, ricopre al momento la posizione n.13 del ranking WPT.
Ha giocato in coppia con un altro giovane fenomeno, Miguel Yanguas con cui meno di 3 settimane fa, ha vinto la tappa del WPT Reus Costa Daurada Open 500 per poi separarsi dopo Granada per iniziare a giocare con Sanyo Gutierrez a partire dal Brussels Open di fine aprile (partiranno come quarta teste di serie).

Il 2021 è stato il suo anno dove ha vinto con la nazionale spagnola l’Europeo a Marbella ed il Mondiale in Qatar.

Quali sono le tue aspettative per questa stagione?

Con Sanyo siamo una coppia molto competitiva, sarà dura per tutti quest’anno, siamo molto carichi e dovranno sudare ogni volta per batterci (ride).

Cosa ne pensi di tutti questi circuiti che vi portano da una parte all’altra del mondo?

Di sicuro è faticoso e stressante! Passiamo molto tempo lontano da casa ad allenarci e purtroppo ogni tanto si vede la nostra stanchezza durante alcune partite e credo che questo vada a discapito anche dello spettacolo e del pubblico.

Su quali giovani punteresti come future star? 

Direi David Gala, Guille Collado e Pablo Cardona.

Preferisci giocare outdoor o indoor? 

Al coperto, si gioca molto meglio senza il sole e il vento.

Quali sono i tre giocatori migliori nella storia del padel nella categoria maschile e femminile? 

Bela, Juan Martin e Lebron, mentre nelle donne la Salazar, Carolina Navarro e Gemma Triay.

Chi è il tuo coach?

Al momento è Guti, mi piace la sua semplicità, dedizione al lavoro e il suo modo di lettura del padel.

Nei vostri allenamenti sono previste anche lezioni in cui si studiano gli aspetti tecnici e tattici visionando le vostre precedenti partite o quelle dei vostri avversari? 

Assolutamente si, penso che sia fondamentale.

Se potessi “rubare” un colpo ad un giocatore? 

La “pegada” di Tapia.

Che consigli daresti ad un giocatore amatoriale?

Divertirsi, non sentirsi frustrati quando le cose non vanno e non abbattersi perché con la pratica tutto migliora.

Se non fossi un giocatore professionista quale lavoro ti piacerebbe fare? 

Sempre qualcosa legato allo sport, perché è la mia vita e non mi vedo in altri contesti.

Che racchetta usi e quali sono i tuoi sponsor?

Gioco con una PUMA che è anche il mio sponsor per l’abbigliamento e le scarpe. A breve sarà presentato anche un nuovo modello, non vedo l’ora.

Sogno nel cassetto? 

Essere il numero 1 al mondo.

Buon padel a tutti

articoli correlati Mr Padel Paddle:

Marta Ortega: Che sogno allenare Belasteguin e Diaz

Articoli correlati

Aranzazu Osoro: La Vichinga del Padel

Mr Padel Paddle

Paula Josemaria: Il padel è tattico come gli scacchi

Mr Padel Paddle

Alba Galan. La Rockera del padel

Mr Padel Paddle
Mr Padel Paddle